<<<0>>>

Buono il proposito … Il governatore azzera l’ufficio stampa: “Costava 3,2 milioni all’anno” … meno buone due considerazioni …

La prima … ”Non voglio prendermi la responsabilita’ morale di questi sprechi. Parliamo di 3,2 mln di euro all’anno con cui si possono pagare almeno 200 precari” dice Crocetta … quindi non è un problema di sprechi ma di riallocazione di risorse? Sull’argomento i giornalisti non hanno mai rilevato uno “scandalo” …

La seconda … “E a chi gli fa notare che nel frattempo, nonostante il suo insediamento i 21 giornalisti continuino a lavorare regolarmente alla presidenza della Regione Crocetta replica: ”Sono decaduti. Se vogliono fare volontariato, benvenga. Li pagheremo per il lavoro fatto”.” … che significa … nessuno ha detto loro che il loro rapporto di lavoro è stato rescisso? Ma se questi continuano a lavorare e poi gli verrà pagato “il lavoro fatto” … come si chiama questo … danno erariale?

O forse Crocetta, al di là dei proclami, non li può licenziare? … e in loro difesa scende in campo “l’Ordine” … Ordine dei giornalisti Sicilia: “difendiamo l’Ufficio stampa della Regione”“Ufficio stampa, tutti decaduti” La replica: “Rispetti il contratto” … meravigliosa la difesa dell’Ordine … “ … Prima ancora di mettersi alla guida della complessa macchina dell’amministrazione regionale, prima ancora di affrontare i costi dei duemila dirigenti, Crocetta – prosegue la nota dell’Ordine – ha individuato in 21 giornalisti la causa di tutti gli sprechi della Regione, giungendo a dichiarare che intende mandarli via per prenderne di nuovi. … “ … ora si capisce una certa acrimonia dei giornali nei confronti dei regionali … più giornalisti e meno dirigenti alla Regione … è il loro motto?

 

<<<0>>>

Interessante articolo su fatti noti da tempo … ma mi domando che c’entra il titolo dell’articolo … questi enti sono lì da anni, se non da tempo immemore! Non dimentichiamo poi che Continua a leggere »

 

Notizie come quelle che segnalo in appresso sono tragiche Continua a leggere »

 

Un bell’esempio di fuoco amico. Dovendo colpire un presunto sperpero di denaro pubblico si puntualizza che dirigenti e funzionari della Regione gireranno il mondo. Ma la notizia quale è? I 900.000 € distribuiti a …. o il fatto che non si ritiene necessario far andare in giro il personale regionale?

 

Su BlogSicilia leggo dal post

La caccia agli sprechi sul web Lombardo contro l’elefante Regione

che il presidente Lombardo afferma:
“Lo dico con molta franchezza: intendo mettere su, online, uno strumento per la caccia agli sprechi”.

Sempre dallo stesso post:
“Il governatore ribadisce. ”Segnalatemi tutti gli sprechi, che non sono solo l’auto blu o le indennità dei deputati, ma sono i dipendenti che non lavorano o gli uffici pieni di gente che stanno a leggersi il giornale”.”

(Fedro) Io andrei ancora oltre:

perchè non “evidenziamo” tutti i convegni, le manifestazioni, gli incarichi e quant’altro di cui non comprendiamo l’utilità e per le quali si spendono risorse finanziarie del bilancio regionale?

Risorse che potrebbero essere destinate a finalità più rispondenti alla situazione di crisi in cui gravano oramai ampie fascie della popolazione siciliana.

Ogni volta che assistiamo alla spesa di risorse pubbliche domandiamo se quelle spese l’amministratore di turno le avrebbe sostenute di tasca propria!

 

Da La Repubblica l’articolo on line

  • SICILIA, LA FIERA DEGLI SPRECHI, Rassegna

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/07/16/news/sicilia_la_fiera_degli_sprechi-19202902/

Fossero soltanto questi! Se così fosse avremmo speso bene miliardi di €. A quando un monitoraggio serio e non le solite baggianate? (Fedro)

 

Su Siciliainformazioni.com leggo l’articolo on line

Gli sprechi siciliani e quelli degli altri. 19 mila dipendenti regionali. Ma altrove una parte li paga lo Stato. Perché non tenerne conto? Continua a leggere »

 

Su Il Sole 24 Ore del 23 giugno 2011, pag. 16, l’articolo dal titolo:

Ichino: al Senato uno spreco i dipendenti dei gruppi estinti Continua a leggere »

 

Sembra che tutte le pubbliche amministrazioni abbiano problemi di bilancio. Si taglia tutto e si invitano i cittadini a contribuire con il “fai da te”. Poi però si scopre che i soldi per arredi e altri beni voluttuari si trovano, così come si trovano per consulenze e manifestazioni.

Come si fa a stabilire le priorità? Qualcuno un giorno lo spiegherà?

La riflessione mi viene dalla lettura dell’articolo comparso su La Repubblica di Palermo dal titolo

Il Comune senza soldi compra mobili extra-lusso


 

Quando leggo certi articoli, nella fattispecie due pubblicati sul Quotidiano di Sicilia, mi sembra di vivere su un altro pianeta perchè veniamo ancora etichettati come dei privilegiati. Siamo strapagati, e non solo noi dirigenti ma anche il resto del personale. Continua a leggere »

© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha