Soltanto ieri sera il disegno di legge cosiddetto “finanziaria” è giunto alle competenti commissioni dell’ARS e già oggi è stato un fiorire di bocciature su alcuni interventi proposti dal Governo.
Tutte le voci che riguardano il personale precario sembrano esserci e su quelle tutti sono contenti … o giù di lì.
Per quanto riguarda i dipendenti della Regione, e in particolare per i dirigenti, qualche sorpresa è destinata a esserci.
Sembra che si riaprano le porte del pensionamento per una platea di circa 800 dipendenti che nell’arco di un triennio potranno andare in quiescenza secondo le regole “pre-Fornero”. La cosa potrebbe essere positiva, per alcuni, sempre che la norma non venga modificata e introduca qualche forma di penalizzazione … vedremo cosa partorirà il parlamento.
Decisamente meno positive le notizie per i dirigenti della Regione, tanto cari al presidente della regione.
In un colpo solo si vuole ottenere quello che non è stato possibile ottenere attraverso il confronto con il sindacato nelle sedi a ciò deputate, parlo del taglio del 20% del fondo destinato al salario accessorio della dirigenza e soprattutto della riscrittura, per modo di dire, della cosiddetta clausola di salvaguardia. Ai dirigenti non verrà più riconosciuto, alla scadenza del contratto individuale di lavoro,  il diritto a ricoprire un incarico “equivalente” in presenza di una valutazione positiva della prestazione resa. A un dirigente che ha diretto una struttura intermedia potra essere proposta una uob e a un dirigente che ha diretto una uob potrà essere proposto un incarico di studio e ricerca … in “scala minore” anche per i dirigenti non generali si applicherà lo stesso trattamento fino a oggi riservato ai dirigenti generali ai quali non è stato confermato un incarico dirigenziale generale … finalmente giustizia è fatta, qualcuno dirà!
Questo però vorrà dire che ogni dirigente che vorrà svolgere il proprio incarico senza guardare in faccia a nessuno dovrà mettere in conto che se scontenterà qualcuno potrà dire addio a una parte significativa del proprio trattamento economico … sempre grazie presidente!
Ma il presidente fa il suo. Ci da in pasto al suo elettorato e al popolo siciliano facendo credere loro quello che vogliono.
Quello che stona in questa vicenda è però il silenzio del sindacato.
Ho svolto una piccola ricognizione con l’aiuto di alcuni colleghi iscritti a diversi sindacati per capire cosa ci possiamo aspettare dal sindacato. Una sigla ha detto che si farà valere con il Commissario dello Stato … nel frattempo ha invitato gli iscritti a fare azione di lobbing con qualche deputato … se se ne conosce qualcuno. Un’altra sigla non conosceva il testo della finanziaria … si sarebbe informata. Un’altra sigla ancora ha consigliato basso profilo … si corre il rischio che ci diano una scoppola più pesante.
Cosa aggiungere … siamo in buone mani!
Mancano pochi giorni all’approvazione della finanziaria, in piazza scenderanno decine di migliaia di disperati che rivendicheranno il tozzo di pane (per alcuni più che un tozzo) … se noi non diremo nulla quale segnal pensate che giungerà al Governo?
Vi lascio con questo interrogativo … sono stanco e forse anche mezzo influenzato … e mi sarei anche un po’ rotto il ….. di questa politica scarsa scarsa scarsa … ma così scarsa che mi sento offeso per la violenza che si fa alla nostra, anche se  modesta, intelligenza!
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 

Dopo un lungo tira e molla, la stesura di maxi e mini emendamenti, all’ARS si è trovata la quadra e Governo, maggioranza e altri (?) hanno votato la finanziaria.

Scongiurato il pericolo del blocco della spesa. Continua a leggere »

 

L’ARAN Sicilia ha convocato le oo.ss. del comparto e della dirigenza, rispettivamente, per i giorni Continua a leggere »

© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha