Paolo

Paolo Luparello è dirigente responsabile di una uob del Dipartimento regionale della programmazione nell'ambito della Regione Siciliana

 

Rosolino chiude. Rosolino è il mio gommista di fiducia. Chiude sotto il peso della crisi. In un anno ha accumulato un debito di circa 23 mila euro. Da un anno le spese non vengono coperte dai ricavi. A 55 anni Rosolino si va ad aggiungere all’esercito di disoccupati, un esercito fantasma che non si vede perchè forse non ha ancora trovato un “aggregatore” che lo porti in piazza.

Dopo la chiusura di tanti esercizi commerciali storici di Palermo la chiusura di Roslino il gommista è forse il primo fallimento che tocca la mia quotidianità. E’ la conferma di una sensazione sulla quale rifletto da tempo, la crisi non ci ha ancora toccati nella carne viva. Sono anni che attingiamo ai risparmi accumulati in una vita di lavoro e adesso quei risparmi stanno finendo o sono finiti del tutto.

Chi si sta occupando di Rosolino il gommista e dei tanti altri che nel silenzio assoluto sprofondano nell’area della disoccupazione e della povertà?

Il pensiero dei padroni del vapore non è per loro!

I padroni del vapore hanno altro a cui pensare. Chi in cerca di “agibilità politiche” (così oggi viene definita l’impunità), chi in cerca di consensi elettorali (un certo governatore presunto rivoluzionario).

Questo rientro dalle ferie non poteva cominciare peggio.

Non sapete quanto mi dispiaccia la storia di Rosolino il gommista, anche perchè viene messa in crisi la mia teoria che vorrebbe che i professionisti seri e preparati non conoscono crisi … una minchiata che non avrei voluto fosse smentita!

 

 

 

Finito di leggere il 7 luglio 2013, domenica

L’arte di ascoltare i battiti del cuore

un romanzo di Jan-Philipp Sendker

nella traduzione dal tedesco di Francesco Porzio

edito da Beat – biblioteca editori associai tascabili, pagg.303, aprile 2013

Commento: mi ha colpito il titolo e mi ha convinto ad acquistarlo il consiglio di mia figlia. Oggi non so fino a che punto siamo disposti a credere o ad ascoltare questo tipo di racconti, comunque sia ce ne sarebbe un grande bisogno. L’ho letto tutto d’un fiato e non vi nascondo che mi ha commosso. Un magnifico libro su un sentimento che non finirà mai di stupirci per ciò che può determinare nella vita degli esseri umani, l’amore. Lungo tutto il romanzo sono disseminate tante perle che se autenticamente apprezzate potrebbero fare della nostra vita qualcosa di diverso … sempre che la nostra vita non sia già qualcosa che ci soddisfa pienamente. Leggendo questo libro mi sono imbattuto ancora una volta in qualcosa che ti segna e che non ti permetterà di essere come prima che lo leggessi! Grazie Tin Win, grazie Mi Mi, grazie U Ba, grazie Su Kyi e grazie U May e grazie, naturalmente a Jan-Philipp Sendker.

 

 

Il post che segue è il naturale seguito di quello postato venerdì …  Il mio buon combattimento … domani sull’Etna, 14.06.2013, venerdì

Con un tuffo nelle acque di Marina di Cottone si è conclusa un’altra pagina dei miei annali podistici.

Era dalla mattina della partenza che immaginavo di chiudere la giornata con il primo bagno di stagione. E così è stato. Stavo per rimettermi in macchina per tornare a Palermo quando il desiderio di immergermi per un bagno ristoratore è stato più forte di me.

Tovaglia in mano mi sono presentato al gestore del Lido Pennino e gli ho detto “Ho finito la maratona, ho bisogno di una doccia ma prima vorrei fare un tuffo”. Non ero un bello spettacolo. Dai polpacci in giù la cenere dell’Etna mi rendeva molto simile ai barboni nei quali ci imbattiamo nelle nostre città e il sale del sudore doveva pure spiccare sulla pelle del mio volto. Ma il signor “Pennino” non ha battuto ciglio e senza farmi finire di parlare mi ha detto “Si accomodi”.

E’ stato il bagno che non dimenticherò più. Nonostante la temperatura dell’acqua la avessi “apprezzata” già con il contatto dei piedi, mi sono buttato e mi sono concesso alcune bracciate. Tutti i miei muscoli hanno avuto un brivido ma dopo tutto quel correre e camminare per le pendici dell’Etna credo che mi abbiano ringraziato. Sono stati pochi minuti ma è stato semplicemente stupendo. Dopo la doccia mi sono seduto al baretto dello stabilimento e mentre sorbivo un chinotto ghiacciato (una birra sarebbe stata la morte sua ma doveva guidare) e apprezzavo il salato delle patatine la mia mente ha fatto un rapido “rewind” della giornata.

Ricordo che qualcuno annunciava il mio nome e qualcun’altro, forse altra, mi metteva una medaglia al collo. Dopo 6 ore e 38 minuti circa ho terminato il mio ennesimo buon combattimento, 43 km e cocci, dei quali soltanto un 2 o 3 di discesa o pianeggianti, per un dislivello di 3000 m.

Prima di partire mi ero posto tre obiettivi. Il primo è quello di sempre … arrivare al traguardo sulle mie gambe … obiettivo centrato. Il secondo era di finirla in meno di 6 ore … obiettivo mancato … dopo 21-22 km sono andato in affanno e non riuscivo più a correre, il tratto che quindi pensavo di camminare è passato dai 13 ai 21 km e di questo il tempo ne ha risentito. Il terzo obiettivo non lo avevo ancora deciso alla partenza, lo avrei scelto durante la corsa … e alla fine ho concordato con me stesso che era quello di portare a casa la pelle … sembra che ci sia riuscito. Ci sono stati momenti veramente duri e fortunatamente sono riuscito a superarli … l’altura sia che corri sia che cammini può giocare brutti scherzi.

La corsa sembrava nascere sotto i migliori auspici. Situazione muscolare ottimale. Buone sensazioni e motivazioni. Ma forse ho commesso l’errore nel quale troppo spesso cado … seguire un ritmo che non è il mio. Fino al 18 km l’andatura è stata troppo allegra per le mie attuali condizioni e il conto mi è stato presentato regolarmente. Ho provato a continuare a correre a un ritmo più modesto per altri 3-4 km ma ormai mi ero giocato le mie risorse. Nonostante la delusione per quello che avrei voluto fare e che non ho fatto, avevo la certezza che in cima … comunque … ci sarei arrivato.

Le mie corse sono costantemente oggetto di un negoziato tra il mio “io” podista e il mio “io” sedentario. Finchè le forze reggono è un assolo dell’io podista ma quando la spia delle risorse energetiche comincia a segnalare che stai andando in riserva l’io sedentario comincia a reclamare. Resistere alle lusinghe dell’io sedentario è sempre più difficile lungo lo svolgersi della gara (ogni baretto, panchina all’ombra, taxi e bus che sembrano aspettare solo te) e mentre cominci a prendere in considerazione l’ipotesi di una onorevole resa (e le motivazioni le propone lo stesso io podista che comincia a pensare che l’io sedentario non è poi così malvagio) i chilometri passano e l’io sedentario comincia a capire che lo stai prendendo in giro ancora una volta. Ma alla fine l’emozione dell’ennesimo traguardo raggiunto soddisfa anche lui … ospite non pagante e non contribuente allo sforzo … anzi.

Mentre guardo il mare dal baretto del Lido Pennino penso ai tanti personaggi che ho incrociato in questa giornata. Ognuno a suo modo un grande personaggio. Decidere di partecipare a una gara come la supermaratona dell’Etna non è una decisione facile e non si improvvisa, e se il numero dei partecipanti non è quello che tutti auspicherebbero le ragioni ci sono. E’ una gara dura che ti porta al limite e per sottoporti a uno sforzo fisico come quello della maratona in altura fino ai 3000 m s.l.m. devi essere certo delle tue condizioni o devi essere proprio un incosciente … io mi iscrivo di diritto alla seconda categoria.

Con l’ultimo sorso di chinotto faccio i complimenti a me stesso, agli amici della Palermo H13,30 e a tutti i partecipanti allo stupendo spettacolo che anche quest’anno l’Etna ci ha riservato.

Una domanda mi sorge spontanea … ma perchè non organizzano il pasta party al Lido Pennino?

 

Oggi è un giorno particolare. E’ il giorno che precede un evento. Un grande evento. Domani mi cimenterò ancora una volta con la maratona, e non con una maratona normale … se normale può dirsi di una corsa lunga 42,195 km. La maratona di domani, 15 giugno 2013, è la maratona dell’Etna. Una corsa che si sviluppa per 43 km tutta in salita. Partenza dalla spiaggia di Marina di Cottone nei pressi di Fiumefreddo di Sicilia, quota 0 m s.l.m. e arrivo a quota 3.000 m s.l.m. tra i crateri sommitali del “Mongibello”. Un’esperienza che ho già vissuto l’anno scorso e che mi ha spinto riprovarla anche quest’anno. L’anno scorso la finii. Ci impiegai poco più di 7 ore e fu massacrante. Per un problema muscolare acuitosi pochi chilometri dopo la partenza la corsa fu penosissima e soltanto la follia innata del maratoneta mi portò a completarla. Quest’anno arrivo alla 0-3.000 in condizioni fisiche decisamente migliori. Domenica scorsa mi sono cimentato in una 23 km trail per i sentieri delle Madonie e le sensazioni che ho provato sono state positive. Affronto la 0 – 3.000 con fiducia. Gli obiettivi di quest’anno? Primo obiettivo: arrivare in cima. Secondo obiettivo: provare a finirla entro le 6 ore. Terzo obiettivo: ci penserò correndo lungo i tornanti dell’Etna.

Dopo mesi e mesi di preparazione fatta di allenamenti in salita (quante volte mi sono inginocchiato davanti la teca della Santuzza!) e di sgambate in piano, è giunto il momento. La gara è lì! Domani si corre e per alcune ore non ci saranno altri pensieri che per la sfida che ogni volta si ripete con te stesso. Domani non si penserà alla crisi. Non si penserà al lavoro. Non si penserà ai tanti problemi, piccoli e grandi, che cadenzano il nostro quotidiano.

Domani sarò solo con me stesso e con la mia personale sfida … il mio buon combattimento … dimostrare a me stesso che sono vivo!

By, Paolo Luparello

 

 

Questa settimana abbiamo cominciato ad alimentare il blog dell’Associazione”Perchè no…qualcosa si muove” e a inviare la newsletter.

All’indirizzo www.perchenosicilia.org potrete continuare a leggere quello che leggevate qui ma arricchito del contributo che soltanto un lavoro di squadra potrà dare … quello dell’Associazione.

Ringrazio le migliaia di colleghi che in questi anni hanno seguito con simpatia, con curiosità e con spirito critico … molto critico … quello che ho pubblicato, è stata una bella esperienza che mi è servita molto e che mi ha anche permesso di ricevere degli attestati di cui posso andare fiero come le due diffide formali, una dall’ex presidente dell’Aran Sicilia e l’altra da un ufficio che non posso menzionare in quanto di “diffida riservata” si trattava.

Se qualcuno vorrà continuare a seguire questo blog lo potrà fare ma non so fino a che punto sarà interessante leggere le personali riflessioni di un uomo che si confronta con lo scorrere della sua vita parlando delle sfide podistiche in cui si cimenta, dei viaggi che fa, delle letture che si concede e quant’altro gli passa per la testa.

Ancora grazie e se vorrete continuare a seguire Fedro … andate sul canale di www.perchenosicilia.org … questo adesso è il blog di Paolo Luparello!

 
 

 

REGIONE, BOLLETTE ALLE STELLE ‘EVITATE L’ASCENSORE, ANDATE A PIEDI’ … in questo articolo si afferma che la Regione Siciliana spenderebbe 200 milioni di € per i consumi di energia elettrica dei propri uffici!
Ma se così fosse si spenderebbero 10 mila euro a dipendente! Non ci posso credere … ma il bravo giornalista sembra crederci!

 

 
 
A proposito dell’ennesima “rotazione” dei dirigenti alla Regione Siciliana.
 
Alla Regione Siciliana non ci si stupisce più di nulla. Questo non vuole però dire che ci si sia fatta l’abitudine, anzi si scopre che un’altra “picconata” alle “regole” è ancora possibile … non è stato ancora demolito tutto! Naturalmente in nome della “legalità”.
Dopo i governi Lombardo e Crocetta si potrà dire che tutto è possibile … anche al di là delle più elementari regole del buon senso.
Ieri si è consumato l’ennesimo arbitrio?
Nonostante appena qualche mese fa il neo Presidente avesse esercitato il diritto allo spoil system riconosciutogli dalla legge (anche se in modo estensivo applicandolo anche a chi non si può applicare, dirigenti non generali e personale del comparto) entro 90 giorni dal suo insediamento, la Giunta di Governo ha deciso una rotazione dei dirigenti generali … credo che neanche Lombardo fosse arrivato a tanto! Sono curioso di leggere i provvedimenti con i quali saranno disposti questi trasferimenti e soprattutto sono curioso di leggere le motivazioni … quale norma li prevede?
Certo, potrebbe essere che siano stati gli stessi dirigenti generali a chiedere di essere sollevati dagli incarichi e quindi potrebbe trattarsi di una modifica “consensuale” dell’incarico … sarà così?
Se così non fosse, i destinatari dei provvedimenti avrebbero tutte le ragioni di questo mondo per chiedere il rispetto dei contratti in essere … lo faranno?
Non voglio però nemmeno pensarlo che i dirigenti generali “ruotati” stiano subendo un arbitrio, forse una “coercizione psicologica” … accettano la violazione della norma purchè gli venga comunque garantito oggi un incarico da dirigente generale e serbando la speranza che alla scadenza del contratto gli venga conferito un altro incarico da dirigente generale.
Questo significherebbe che la “politica” non cerca necessariamente dei “bravi” dirigenti, ma dei dirigenti che in tutto e per tutto assecondano le esigenze “politiche” del momento.
Ma cosa ci sta dietro questa rotazione? Cosa è cambiato rispetto ad alcuni mesi fa quando il Presidente attuò lo spoil system previsto dalla legge?
Al di là della “illegittimità” della rotazione, se non “consensuale”, gli aspetti che più mi lasciano perplesso sono i trasferimenti del dg del dipartimento territorio e del dg del dipartimento programmazione.
I dipartimento territorio ha perso nel giro di pochi mesi 2 dirigenti generali, una ventina di dirigenti e diverse decine di altro personale del comparto non dirigenziale, oltre naturalmente le uniche decine di professionisti precari ai quali è stato interrotto il rapporto di collaborazione, senza che la gran parte di questo personale sembra essere stato sostituito e integrato, nonostante il Presidente avesse tuonato contro i ritardi di quel dipartimento nel rilascio dei provvedimenti amministrativi in materia di VIA e di VAS … è finita l’emergenza?
Il dipartimento programmazione subisce un avvicendamento in un momento molto delicato in cui ci sono in ballo programmazione e riprogrammazione di miliardi di euro di risorse finanziarie nazionali e comunitarie relative ai precedenti periodi di programmazione 2000-2006 e 2007-2013 e al prossimo periodo 2014-2020. Chi subentra è certamente un professionista capace ma che si troverà ad affrontare problematiche di grande complessità. Era questo il momento più adatto?
Dalla sua il Presidente ha lo stato “asfittico” della attuazione della programmazione comunitaria e nazionale … ma sono del dipartimento programmazione le responsabilità?
E se invece chiedessimo al Presidente conto e ragione del suo operato in questi 6 mesi circa di governo?
Qualcuno ha visto traccia del documento programmatico con il quale lui e i suoi uffici di diretta collaborazione hanno fornito gli indirizzi per la programmazione 2014-2020?
Qualcuno ha visto traccia della direttiva strategica presidenziale con la quale vengono forniti gli indirizzi per l’attività amministrativa degli assessorati e quindi dei dipartimenti?
Ho la sensazione che anche l’attuale governo soffra della criticità della “execution” … ma è solo una sensazione. Quale è il processo attraverso il quale le “visioni” del Presidente (ben riprese dai media locali e anche nazionali) vengono tradotte in azioni amministrative e obiettivi per le strutture regionali?
Certo è più facile “ruotare” qualche dirigente e qualche funzionario e dare la colpa di ciò che non va ai soliti “regionali”. Fortunatamente abbiamo le parti sociali (i sindacati) che tutelano i lavoratori.
E’ morto il re! Viva il re!
 
Ricevo e volentieri divulgo
 
“Caro Paolo,
in questi giorni ho avuto modo di verificare che alcuni Uffici di gabinetto, per non dire tutti, non ottemperano alla normativa in materia di pubblicità e trasparenza degli incarichi “politici”. E’ proprio di questi giorni la sentenza n. 48/2013 della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Molise con quale nei confronti di un funzionario comunale è stato ravvisato il danno patrimoniale per aver liquidato il compenso a persona esterna, non avendo verificato la pubblicazione dell’incarico sul sito istituzionale dell’amministrazione.
Per alcuni componenti degli Uffici di gabinetto della nostra Regione, sia interni che esterni, a stento viene riportato il curriculum e pertanto manca la lettera di incarico e il compenso percepito.
Ritengo che sia opportuno avvisare gli uffici del trattamento economico del contenuto di tale sentenza e diffidarli a liquidare qualsiasi emolumento a quei soggetti per i quali non si è dato corso a quanto previsto dalle norme..
La mancata pubblicazione di questi dati risulta in contrasto,anche, con l’articolo 15 del decreto legislativo n. 33 del 2013.
Parimenti l’obbligo della pubblica amministrazione della pubblicazione di documenti ed informazioni è esteso ai titolari di incarichi politici, articolo 14 del citato decreto.
Ti informo, altresì, che dalla lettura dei curricula spesso non si evincono le funzioni dirigenziali svolte dai soggetti inquadrati, altri dichiarano di avere in corso attività di libero professionista (ma il rapporto di lavoro nel pubblico impiego non è esclusivo?).”
 
Si tratta di un tema sul quale avremo bisogno dell’impegno di tante amiche e amici che si dovranno prendere la briga di andare a esaminare cosa viene pubblicato sui siti web istituzionali e di segnalarcelo … trasparenza e legalità innanzitutto! Questo è un lavoro per “Perchè no…qualcosa si muove”!
 

Come avrete notato l’aggiornamento di questo blog procede a singhiozzo. Un motivo naturalmente c’è. Mi sto concentrando con un gruppo di volontari e soci dell’Associazione “Perchè no…qualcosa si muove” per organizzare la comunicazione attraverso il blog dell’Associazione già disponibile all’indirizzo www.perchenosicilia.org che spero possa cominciare a essere alimentato regolarmente tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima.

Se vorrete ricevere la newsletter fatecelo sapere. Se volete che il blog contenga specifiche informazioni … fatecelo sapere.

Nel frattempo … continuate ad aderire all’Associazione … abbiamo bisogno di tutte le amiche e gli amici di buona volontà che credono in una amministrazione al servizio dei cittadini e che riconosce il merito ai tanti professionisti che vi lavorano.

A presto

 

 
 
Da Il Sole 24 Ore
Da PA.net
Da Siciliainformazioni
 
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 119 del 23 maggio 2013
 
AUTORITA’ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE
ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA
  • Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, relativi al mese di aprile 2013, che si pubblicano ai sensi dell’art. 81 della legge 27 luglio 1978, n. 392 (Disciplina delle locazioni di immobili urbani), ed ai sensi dell’art. 54 della legge del 27 dicembre 1997, n. 449 (Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica). COMUNICATO

 

<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 24 maggio 2013, venerdì
 
PRESIDENZA
  • DECRETO PRESIDENZIALE 24 aprile 2013. Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari ai sensi degli artt. 20 e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, pag. 4
ASSESSORATO DELL’ECONOMIA
  • DECRETO 26 aprile 2013. Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2013, pag. 20
PRESIDENZA
  • Proroga della convenzione con IRFIS-FinSicilia S.p.A. per la gestione del Fondo al commercio, ex art. 60 della legge regionale 23 dicembre 2000, n. 32, pag. 60
  • Proroga dell’incarico conferito al commissario straordinario del comitato amministrativo di cui all’art. 60, comma 5, della legge regionale 23 dicembre 2000, n. 32 come sostituito dall’art. 12 della legge regionale 6 agosto 2009, n. 9, pag. 60
 
ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE
  • CIRCOLARE 6 maggio 2013. Autorizzazione degli impianti di gestione dei rifiuti in procedura semplificata ex art. 216 del decreto legislativo n.152/06 – Proroga delle autorizzazioni fino al 31 ottobre 2013, pag.  66
  • CIRCOLARE 6 maggio 2013. Circolare sugli adempimenti del D.Lgs. n. 334/99 – art. 22 – Informazione sulle misure di sicurezza, pag. 66
Per consultare i provvedimenti clicca sul link che segue GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 24 del 24 maggio 2013
 
ASSESSORATO DELLʼECONOMIA
  • CONTO RIASSUNTIVO DEL TESORO E SITUAZIONE DEL BILANCIO DELLA REGIONE al 30 novembre 2012
Supplemento straordinario alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (p. I) n. 24 del 24 maggio 2013 (n. 8)
 
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Ricevo e divulgo … e non commento!
 
“Di seguito il comunicato stampa sull’incontro di oggi a Palazzo d’Orleans.
 
Ai lavori hanno partecipato:
per il Governo, l’Assessore alla funzione pubblica ed alle autonomie locali, Patrizia Valenti, l’Assessore al Lavoro, Ester Bonafede, il Segretario Generale, Patrizia Monterosso, la D.G. della Funzione pubblica, Luciana Giammanco, la D.G. del lavoro, Anna Rosa Corsello, il Ragioniere Generale Mariano Pisciotta;
per i sindacati, le segreterie regionali del pubblico impiego di Cgil, Cisl, Uil.
 
Rispetto al tema odierno il precariato delle amministrazioni pubbliche, una breve sintesi è riportata nel comunicato e ci siamo dati appuntamento al massimo tra due settimane.
 
Nel frattempo, il governo regionale elaborerà un testo/proposta da rappresentare al governo nazionale, previo ulteriore incontro con le Organizzazioni sindacali.
 
A fine lavori, la Cisl ha sollecitato la definizione degli appuntamenti riferiti alle altre questioni urgenti, quali la riforma della Pubblica Amministrazione regionale ed il riordino delle province.
 
Prossimo appuntamento venerdì 31.
 
Buon fine settimana, Paolo.”
“COMUNICATO STAMPA
 
PRECARI. AL VIA OGGI TAVOLO DI CONCERTAZIONE GOVERNO -SINDACATI. FP CGIL, CISL FP E UIL FPL: “INCONTRO INTERLOCUTORIO, ATTENDIAMO RISCONTRI OGGETTIVI”. TRA 15 GIORNI NUOVO INCONTRO.
 
Palermo, 24 maggio 2013. “Un primo incontro interlocutorio dal quale emerge solo una volontà condivisa ad individuare le soluzioni per la stabilizzazione del precariato”.
Questo il commento a caldo dei segretari di Fp CGIL – CISL Fp – UIL FPL alla fine dell’incontro a Palazzo d’Orleans con il governo regionale sui temi del precariato delle pubbliche amministrazioni siciliane.
“Dopo una disanima della problematica sia in termini di numeri che di vincoli normativi e finanziari esistenti, il sindacato ha chiesto al governo regionale di creare le condizioni per storicizzare la spesa consolidata nel bilancio della Regione e contrattare con il governo nazionale le deroghe necessarie a superare i vincoli esistenti”.
Il governo regionale, rappresentato dagli assessori alle Autonomie Locali e al Lavoro e per voce del Segretario Generale della Regione che ha riconvocato le parti fra 15 giorni, ha raccolto le richieste delle tre categorie confederali e si è riservato di presentare al prossimo incontro una ipotesi di intesa sul tema precariato che salvaguardi tutta la platea esistente.
“La nostra soddisfazione per ora si limita soltanto a registrare il mantenimento dell’impegno assunto dal Presidente della Regione ad avviare il confronto, ma occorrono riscontri oggettivi per verificare che finalmente dopo venti anni di precariato si passi dalle parole ai fatti e si chiuda con questa stagione”.
I segretari – Michele Palazzotto (Fp Cgil Sicilia) – Luigi Caracausi (Cisl Fp) – Enzo Tango (Uil Fpl)”
 
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Dalla LEGGE 15 maggio 2013, n. 9. Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2013. Legge di stabilità regionale.
 
La legge di stabilità regionale non è una legge normale, anche se a dire il vero tutte le leggi regionali hanno sempre qualcosa di “anormale”, e la sua lettura è sempre una fonte di ispirazione, oltre che naturalmente di obblighi per chi è chiamato ad applicarla.
Non sono in grado di entrare nel merito di tutti gli articoli, anzi, invito gli addetti ai lavori a farmi avere i propri commenti sugli articoli e commi più ermetici e dietro i quali si celano fotografie ben chiare a chi sa, ma per alcuni qualcosa mi sento di dire.
 
Qui il legislatore fa la voce grossa …
Continua a leggere »
 
 
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 118 del 22 maggio 2013
 
MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
  • Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche ai sensi dell’articolo 1, commi da 209 a 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 –  DECRETO 3 aprile 2013, n. 55
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA
  • Modalita’ e contenuti delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale – anno accademico 2013/2014. (Decreto n. 334).  DECRETO 24 aprile 2013

 

<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
 
Piani piano prima o poi avremo sto benedetto Comitato Unico di Garanzia … prima il presidente, ora la Commissione …
 
Comitato Unico di Garanzia – Costituzione Commissione selezione componenti – Con decreto n. 2354 del 21 maggio 2013 del Dirigente Generale del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Personale, Dott.ssa Luciana Giammanco, è stata costituita la Commissione incaricata di selezionare i componenti del Comitato unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. –  D.D.G. 2354 del 21 maggio 2013
 
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Ricevo e volentieri divulgo
 
“Caro Paolo,
mi sono rassegnato. 
Non posso permettere che il lavoro condizioni l’intera giornata, l’intera vita mia. 
Parlar male dei dipendenti pubblici regionali è diventato uno sport nazionale!! 
Avrai certamente letto l’articolo che parla delle esternazioni del vicepresidente della provincia di Padova (leghista).
Fin’ora, mi sono limitato a rinnegare il fatto di essere un “impiegato regionale” solo  nell’ambito siciliano ma adesso, per paura di vedere la stessa espressione di disprezzo misto a invidia, sufficienza ed odio di chi scopre di trovarsi davanti ad uno dei tanti parassiti dipendenti regionali, dovrò nascondermi anche quando vado in vacanza fuori dalla Sicilia.
Da anni auspico una azione di protesta, qualcosa di eclatante che possa ridare orgoglio a tutta la categoria dei dipendenti pubblici. Mi è sempre stato detto che non era il caso perché c’era chi stava peggio di noi, perché il dipendente regionale non è disposto a scendere in piazza, non era il momento giusto, etc., come se una manifestazione di dipendenti regionali debba necessariamente chiedere solo un vergognoso aumento di stipendio (poi, cosa c’è da vergognarsi nel chiedere il rinnovo del Contratto Collettivo di Lavoro, non l’ho ancora capito!!!!). 
Ma io sono convinto che si può protestare anche per riscattare semplicemente la dignità di un lavoratore.
Il malato (i dipendenti regionali) vittima degli untori (Crocetta, Lombardo, Armao, giornalisti e leghisti vari) oggi si è parecchio aggravato; i medici (i sindacati) non sono stati capaci di dare le giuste cure ed al capezzale del oramai moribondo dipendente regionale rimane una suorina (Paolo Luparello) che con il suo amorevole e lodevole impegno cerca di tenere in vita il malato, di alleviarne i dolori e dare speranza di guarigione.
Scusami, caro Paolo, di questa visione vagamente manzoniana della situazione dei dipendenti regionali. 
Ciao
GPS

P.S. Lancio l’idea di un SICILIAN EMPLOYEE PRIDE.”
 
Capisco le prosa manzoniana ma nei panni di “suorina” non mi ci sarei mai immaginato!
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Quando alcuni mesi fa lanciai per la prima volta l’idea dell’Associazione “Perchè no” mi ero posto l’obiettivo molto ambizioso di raggiungere le 1.000 adesioni. Ci fermammo a poco meno di 400 e in tanti di coloro che avevano risposto all’invito mi scrissero che anche con 400 questa avventura andava intrapresa.
Oggi l’Associazione si chiama “Perchè no…qualcosa si muove” (ringrazio l’amica Marica sia per l’arricchimento della denominazione che per il logo) ed è una realtà in termini di costituzione. Adesso attendiamo che chi aveva manifestato il proprio interesse ad aderire … aderisca realmente.
Come ho più volte fatto presente, l’adesione è importante non tanto per poter contare su un budget con il quale finanziare alcune delle iniziative che intraprenderemo, ma per fornire ai nostri interlocutori, che saranno anche gli uffici regionali, la dimensione sociale dei bisogni che intendiamo rappresentare.
Per non lasciare nulla di intentato e per evitare di compulsare colleghi che non conosco personalmente, mi sono preso la briga di verificare uno per uno i contatti della mia mailing list (quella che utilizzo per la newsletter di Fedro, oltre 3.000) e di inviare una mail personale di invito alle persone che conosco o a quelle che mi avevano scritto o che si erano iscritte alla newsletter.
Questo mi ha permesso di fare un po’ di pulizia e di “sospendere” un consistente numero di contatti che non ritengo interessati a “Perchè no…”.
Si è trattato di un lavoro che mi ha richiesto un grosso impegno di tempo nell’arco di 4 giorni ma che mi ha dato il piacere di scoprire di essere in contatto con un numero veramente consistente di amiche e di amici … se tutti dovessero rispondere mi dovrebbero tornare qualcosa come 691 mail … tanti sono le amiche e gli amici che ho scoperto di avere. Naturalmente non tutti risponderanno, ma questo non vuol dire che per me non restano delle care amiche e dei cari amici.
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 115 del 18 maggio 2013
 
MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI
  • Atti internazionali entrati in vigore per l’Italia non soggetti a legge di autorizzazione alla ratifica (Tabella n. 1), nonche’ atti internazionali soggetti a legge di autorizzazione alla ratifica o approvati con decreto del Presidente della Repubblica (Tabella n. 2).  COMUNICATO
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 116 del 20 maggio 2013
 
MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
  • Approvazione del modello di bollettino di conto corrente postale concernente il versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES).  DECRETO 14 maggio 2013
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 117 del 21 maggio 2013
  • Interventi urgenti in tema di sospensione dell’imposta municipale propria, di rifinanziamento di ammortizzatori sociali in deroga, di proroga in materia di lavoro a tempo determinato presso le pubbliche amministrazioni e di eliminazione degli stipendi dei parlamentari membri del Governo.  DECRETO-LEGGE 21 maggio 2013, n. 54
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
 
 
 
 
 

 

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 17 maggio 2013, venerdì
ASSESSORATO DELL’ECONOMIA
  • DECRETO 19 aprile 2013. Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2013, pag. 6
ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA
  • Designazione del presidente del Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, pag. 59
  • Determinazione dei compensi degli organi dell’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, pag. 59
ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE
  • Proroga dell’incarico conferito al direttore reggente dell’Ente Parco dei Monti Sicani, pag. 63
ASSESSORATO DELLA SALUTE
  • CIRCOLARE 3 maggio 2013, n. 1302. Ulteriori chiarimenti in merito all’attuazione del decreto assessoriale dell’8 agosto 2012, n. 1619, pag. 66 
Per consultare i provvedimenti clicca sul link che segue GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 23 del 17 maggio 2013
Supplemento ordinario n. 1 alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 23 del 17 maggio 2013 (n. 13)
  • LEGGE 15 maggio 2013, n. 9. Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2013. Legge di stabilità regionale
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
Dopo la furia purificatrice che ha “mondato” il dipartimento turismo, l’assessore chiede al presidente una task force … nelle more dell’atto di interpello ( Dipartimento Regionale del Turismo dello Sport e dello Spettacolo –  Atto di interpello n. 13/1013 ), … ma Battiato non aveva dichiarato di non aver trovato un euro da spendere? A che servirà mai tutto questo personale che adesso chiedono? Misteri siciliani!
 
Dirigenti si cercano, invece, in altri due dipartimenti … Dipartimento Regionale per gli Interventi per la Pesca … Dipartimento Regionale per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico … per uno sono però già scaduti i termini … e se si presenta lo stesso la domanda che succede? Si lascia l’incarico scoperto? Misteri siciliani!
 
All’Assessorato Regionale della Salute vogliono invece personale del comparto sanità … si sa … i “regionali” non vanno bene per tutto! Ma quanto ci costa questo “scherzetto”? 
Avvisi per la selezione di personale in posizione di comando con qualifica dirigenziale e del comparto
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>

 

 

In questi giorni stiamo provando a organizzare il lavoro della “redazione” che si prenderà cura di alimentare il blog dell’Associazione. Inoltre sto provando a contattare via posta elettronica tutte le amiche e gli amici che nel passato hanno ricevuto la newsletter di Fedro per verificare se sono interessati a seguire l’attività dell’Associazione e magari ad aderirvi.
Entro la fine del mese speriamo di riuscire a far partire la prima newsletter dell’Associazione “Perché no…qualcosa si muove” e di aver completato un primo “popolamento” del blog.
Ma la newsletter e il blog sono soltanto degli strumenti attraverso i quali contiamo di erogare un servizio di informazione utile. Servizio di informazione che non vuole essere soltanto la cassa di risonanza di notizie altrui ma soprattutto nostre, nel senso di relative alle attività che l’Associazione intraprenderà.
Se avete letto il “Manifesto” di “Perché no…qualcosa si muove” e lo “Statuto”, sapete che la nostra Associazione, della quale fanno parte dipendenti e pensionati della Regione ma anche cittadini utenti, vuole fornire il proprio contributo affinchè la Regione Siciliana impronti il proprio operato al rispetto delle regole. Regole che possano consentire di erogare servizi efficienti ed efficaci, regole che possano permettere ai lavoratori della Regione di vedere riconosciuta la propria professionalità.
Alla Regione, così come in tutte le organizzazioni, non tutto è nero e nemmeno è tutto bianco. L’Associazione vuole dare il suo contributo affinchè quello che di bianco c’è venga evidenziato e provare a ridurre sempre più quello che è nero, senza generalizzazioni, riconoscendo la dignità di lavoratori anche ai dipendenti della Regione.
Per fare questo dovremo osservare il nostro modo di lavorare, quello dei nostri uffici, quello dei vertici amministrativi e politici, anche quello del legislatore regionale. E dovremo dire le cose che vanno e quelle che non vanno e perché non vanno.
Noi al momento siamo pochi.
Quando lanciai l’idea di questa Associazione mi posi l’obiettivo di raggiungere le 1.000 adesioni. In effetti le manifestazioni di interesse si fermarono a circa 400. Alcune adesioni si sono già perse, altre, tante altre, si stanno confermando e chissà che con il lavoro che riusciremo a sviluppare non potremo raggiungere quell’obiettivo delle 1.000 adesioni che al momento sembra irraggiungibile.
I numeri sono importanti. Servono per far pesare le proposte che avanzeremo, anche se noi dovremo guardare di più alla qualità della nostra proposta. Una proposta che non guarda a orticelli o benefits per sparute categorie di soggetti, ma che deve avere un respiro ampio in grado di coinvolgere ampie categorie di siciliani che avranno tutto da guadagnare in una Regione che funziona.
Più saremo e più faremo sentire la nostra voce … e non solo.
Nell’imminenza della beatificazione di Don Pino Puglisi che avverrà il 25 maggio a Palermo prendo a prestito una frase che chi gli stava vicino riferisce di avergliela sentito dire molto spesso … “se ognuno di noi fa qualcosa …” … ecco … se ognuno di noi fa qualcosa la nostra Associazione potrà fare tanto.
Non vi chiediamo chissachè, sarà sufficiente che ci facciate sentire la vostra presenza, scrivendoci, telefonandoci, partecipando alle iniziative che faremo e che ognuno di voi potrà suggerire di fare.
I numeri sono importanti ma non di certo a ogni costo.
Nell’Associazione sono ben accetti coloro che credono in alcuni valori quali il rispetto, l’educazione, il senso del dovere, la legalità e il rispetto delle regole.
Nell’Associazione non sono ben accetti l’opportunismo e l’aridità.
Nell’Associazione vorremmo che ci si possa sentire realmente tra amici.
Sta a voi decidere se questa associazione fa per voi!
Allora, ancora un po’ di pazienza e poi vedremo cosa saremo capaci di fare!
 
 
<<<0>>>
Firma la petizione proposta da Fedro … Petizione Albo dei candidati a incarichi presso la P.A.
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
La settimana scorsa ho scritto il post … Grazie Presidente per esserti ricordato di noi nel giorno della festa della nostra istituzione, del 15.05.2013, mercoledì… 
Scopo del post era mettere in evidenza la assoluta mancanza di attenzione del Presidente della Regione nei confronti dei dipendenti della Regione Siciliana che sono buoni, nella campagna di comunicazione del Presidente, soltanto a ricevere accuse e denigrazione.
Nello scrivere il post ho sopravvalutato le mie doti di ironia che sembrano essere apparse evidenti soltanto a me.
Su Facebook e sul blog ho ricevuto alcuni commenti che mi hanno spinto ad aspettare prima di svelare l’arcano … della mail fantasma. Ero troppo curioso di vedere come andava a finire.
Qualcuno ha messo in dubbio la mia sobrietà (nel senso che ha pensato che fossi un po’ brillo). Vi assicuro che pur non disdegnando le bevande alcoliche non sono avvezzo all’alcolismo.
Qualcuno ha pensato che fossi inserito in una lista di distribuzione “ristretta”, e suppongo di privilegiati, alla quale inviare messaggi augurali, e quindi mi ha inserito in una specie di casta.
Qualcun altro ha pensato che l’essere inseriti in questa lista di distribuzione ristretta comporta una serie di privilegi (incarichi e prebende varie).
Se il Presidente della Regione abbia mandato un messaggio augurale nel giorno della Festa della Regione io non lo so e comunque la mail alla quale ho fatto riferimento nel post … … non mi è mai stata recapitata perchè frutto della mia fantasia.
Sicuramente io mi sono sopravvalutato ma è stato molto bello apprezzare di quale considerazione si gode da parte di alcuni colleghi … .
 
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 

 

 

 

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 112 del 15 maggio 2013
 
CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
  • Annuncio di una proposta di legge di iniziativa popolare –  COMUNICATO 
 

 

 

Newsletter n.121 di giovedì 16 maggio 2013

 Editoriale

Dirigenti stanchi, delusi o propositivi?

Sono gli ultimi giorni per rispondere al questionario online della settima edizione dell’indagine “La PA vista da chi la dirige”. Il 19 maggio termina la possibilità per i Dirigenti della Pubblica Amministrazione di esprimere la propria opinione sull’attuale situazione della PA. La ricerca, condotta come ogni anno da PROMO PA Fondazione su iniziativa del Dipartimento della Funzione Pubblica, rappresenta un’occasione per dare voce alle opinioni della Dirigenza sullo stato di salute della PA e trarre indicazioni sull’efficacia dei nuovi strumenti quali quelli introdotti dalla Legge anticorruzione, dal Testo Unico sulla trasparenza, dal Regolamento recante il riordino del sistema di reclutamento e formazione dei dipendenti pubblici e dal Decreto “sblocca-debiti”. continua

 Prossimi seminari

Affidamenti diretti, procedure in economia e cottimo fiduciario: procedure, elenchi dei fornitori, settori esclusi
I limiti economici degli affidamenti senza gara. Le procedure di scelta del contraente. L’obbligo di riferimento ai prezzi CONSIP (D.L. 95/12). I nuovi obblighi di trasparenza (D.L. 83/12)
Roma – 5 e 6 giugno 2013

Gli incarichi professionali della PA: presupposti, limiti e differenze con gli affidamenti di servizi
Le procedure comparative e i controlli sugli incarichi. La determinazione del compenso e il regime fiscale e assistenziale. Gli obblighi di trasparenza. L’applicabilità dell’art. 125 del D.Lgs. 163/06. Le ipotesi di incompatibilità ex D.Lgs. 39/13
Roma – 6 giugno 2013

Il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione dopo il D.L. 35/2013 (Decreto sblocca pagamenti)
L’allentamento del patto di stabilità. Il fondo per la liquidità del MEF. Il censimento dei debiti della PA. Le sanzioni per i responsabili dei servizi. I nuovi tempi di pagamento dei debiti maturati successivamente al 1/1/13 (D.Lgs. 192/12)
Roma – 6 giugno 2013

L’adozione del piano triennale di prevenzione della corruzione (Legge 190/12)
I contenuti obbligatori. Le relazioni con il programma per la trasparenza e l’integrità (D.Lgs. 33/2013) e il piano della perfomance. Le sanzioni in caso di mancato rispetto
Roma – 12 giugno 2013

Il nuovo regime in materia di inconferibilità e incompatibilità nella PA dopo il D.Lgs. 39/2013
L’ambito di applicazione. I casi di in inconferibilità e incompatibilità. La nullità degli incarichi in violazione del D.Lgs. 39/13. Il ruolo e i poteri del Responsabile anticorruzione e della CIVIT. Le sanzioni previste
Roma – 13 giugno 2013

E’ possibile iscriversi ad entrambe le giornate formative del 12 giugno (anticorruzione) e del 13 giugno (incompatibilità) a condizioni particolarmente vantaggiose!

 

Iscrizioni plurime – riduzione del 20% sulla quota in caso di iscrizioni di più persone
Ex partecipanti – riduzione del 20% sulla quota per chi ha partecipato ad un seminario 2011-2012-2013
Advance Booking – riduzione del 15% sulla quota per chi si iscrive almeno 20 giorni prima

 

 SEMINARIO FORUM PA – 30 MAGGIO 2013

 

IL RAFFORZAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI NEGLI ENTI LOCALI
Problematiche organizzative, prime scadenze, responsabilità

Roma, Forum PA, Palazzo dei Congressi
30 maggio 2013, ore 14.30 – 17.30

Per maggiori informazioni vai al programma
Partecipazione gratuita, previa iscrizione obbligatoria. Clicca qui per iscriverti!

Per conoscere tutti gli eventi in cui PROMO P.A. sarà presente a Forum PA clicca qui

 SECONDO CONVEGNO NAZIONALE – 7 GIUGNO 2013

LA GESTIONE DELLE ENTRATE NEL BILANCIO 2013

Riscossione, recupero e gestione del credito dopo le novità della L. 213/12. Le novità del Decreto sblocca-debiti D.L. 35/13

Milano, Palazzo Giureconsulti, Sala Colonne
7 giugno 2013, ore 9.30 – 16.30

Per maggiori informazioni vai al programma
Partecipazione gratuita, previa iscrizione obbligatoria. Clicca qui per iscriverti!

 CONAI – Seminari di aggiornamento sulla gestione del ciclo dei rifiuti

La gestione del ciclo integrato dei rifiuti

I prossimi appuntamenti:
Pescara, mercoledì 29 maggio
Lamezia Terme, martedì 4 giugno

Consulta il programma e il calendario completo
Partecipazione gratuita, previa iscrizione obbligatoria. Clicca qui per iscriverti!

Promo P.A. Fondazione, viale Luporini 37/57 55100 Lucca – Tel: 0583-582783 – Fax: 0583-317352
Email: info@promopa.it – Sito web: www.promopa.it

 

 

 
 

 

 
Amministrazione aperta … ma fino a che punto? Si fa un gran parlare di “open data”, “open coesione”, “trasparenza”, “accessibilità”, ma poi, all’atto pratico, in cosa si traduce tutto questo?
Un amico mi segnala che sul sito http://www.regione.sicilia.it/amministrazioneaperta/ fino a 24-48 ore fa erano presenti circa 400.000 record mentre oggi ce ne sono molti meno. Che fine hanno fatto tutti i dati che sono spariti?
Ho provato a interrogare il data base e vengono fuori i soliti problemi interpretativi. A parte la solita scarsa “pulizia” dei dati, non si comprende fino a che punto gli uffici rispondono al dettato normativo. Gli uffici dell’azienda foreste demaniali, per esempio, la fanno da padrone e anche per il pagamento di poche centinaia di euro a un operaio forestale provvedono a pubblicare decreti e progetti. Alcuni uffici, per esempio, pubblicano pagamenti di poche decine di euro … ma non dovevano essere pubblicati i pagamenti superiori a 1.000 euro? Forse sono rimasto indietro!
Siamo sicuri che, come richiesto dalla norma, tutta questa trasparenza avvenga “senza oneri aggiuntivi” per l’amministrazione?
Mi domando: chi controlla la consistenza e la qualità dei dati e dei documenti pubblicati?
 
<<<0>>>
Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello … e …  Manifesto, … Bozza di statuto… e … per scaricare il modulo di adesione clicca su …  Perche no modulo di adesione e notizie
<<<0>>>
 
 
 
Cara amica, caro amico,
l’Associazione “Perchè no … qualcosa si muove” si è finalmente costituita. Ho provveduto a registrarla all’Agenzia delle Entrate e ho anche attivato il conto corrente sul quale i futuri soci potranno versare la quota associativa che si è stabilità in 60 € una tantum.
L’Associazione utilizzerà le quote associative per coprire i costi delle iniziative che intenderà intraprendere secondo un programma che si andrà a definire nei prossimi mesi.
All’esaurimento delle somme raccolte in fase di adesione all’Associazione, i soci potranno contribuire alla copertura delle spese per il finanziamento di successive iniziative secondo la propria disponibilità e l’apprezzamento di ciò che saremo riusciti a realizzare.
 
Se intendi aderire alla Associazione dovrai restituire il modulo di adesione che puoi scaricare cliccando QUI, dopo aver preso visione dello statuto che puoi scaricare cliccando QUI.
 
Se non intendi aderire all’Associazione ma sei interessato alle sue attività ti invito ad aiutarci a diffondere le notizie su ciò che faremo affinchè l’Associazione possa crescere e raggiungere le sue finalità nell’interesse degli uomini e delle donne che lavorano o che hanno lavorato per la Regione Siciliana.
 
Colgo l’occasione per augurarti una buona Festa della Regione.
 
A presto
 
Paolo Luparello, presidente dell’Associazione “Perchè no … qualcosa si muove”
 
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha