Domani, 25 febbraio 2013, inizia l’avventura di “Perchè no”. Terremo il primo incontro e cominceremo a discutere di cosa potrà fare l’associazione.

Inutile nascondere che l’azione devastante del presidente della Regione ha probabilmente scosso molti amiche e amici.

Nonostante nei miei post critico costantemente l’operato del presidente (come non farlo con tutto ciò che da in pasto alla stampa lui e il suo variopinto governo) non vorrei che qualcuno pensasse che l’associazione nasce per contrastare qualcuno … chiunque esso sia. Se così fosse non andremmo molto lontano e personalmente vi dico che non mi interesserebbe.

Lo spirito dell’associazione, a mio modo di vedere, deve essere quello di recuperare l’orgoglio di essere dipendenti di una pubblica amministrazione, la Regione Siciliana nel nostro caso.

Lo potremo fare denunciando per primi le cose che non vanno e provando a elaborare delle proposte che possano far funzionare i servizi che eroghiamo.

Lo possiamo fare. Abbiamo le competenze e abbiamo l’esperienza. Se ognuno di noi fornirà il proprio contributo potremo dimostrare che all’interno della Regione se le cose non funzionano non è certo perchè mancano le intelligenze.

Rispetto delle regole. Denuncia delle illegittimità e degli sprechi. Valorizzazione del merito. Questi dovranno essere alcuni dei valori fondanti del nostro stare insieme all’interno di una associazione.

Se non proveremo a cambiare le cose non sapremo mai se il cambiamento è possibile.

Osiamo. Perchè no!

Condividi:
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha