<<<0>>>

L’economia che interessa pochi

  • Il Mibtel della Borsa di Milano ha chiuso oggi a quota 15.921 con una variazione di +0,60% rispetto alla precedente seduta (Fonte: Il Sole-24 Ore)
  • Lo spread sui BTP Italia/BUND 10 Anni alle 17,29 di oggi ha chiuso a 327,34 ed è diminuito rispetto all’ultima seduta (Fonte: Il Sole-24 Ore)

e quella che interessa tanti

  • 2.037.896.576.067 € è il debito pubblico italiano di oggi alle ore 23,31 e continua ad aumentare! (Fonte:Bruno Leoni)
  • pari a un debito pubblico procapite di 33.840 € (Fonte: Bruno Leoni)

senza dimenticare che:

  1. Statali, arriva il blocco degli stipendi: “Nessun aumento fino al 2014”
  2. Più tasse su ricchi e grandi imprese. Finanziaria elettorale per New Delhi
  3. Le aziende tedesche pagano bonus e aumentano gli stipendi. Ecco perché
  4. Gli incentivi verdi doppiano (tra le polemiche) la boa dei 10 miliardi l’anno
  5. Dipendenti pubblici, stipendi congelati 
  6. Chiudono i centri di accoglienza “Si rischia una nuova emergenza”
  7. Sono 1453 i ‘paperoni’ nel mondo
  8. Fmi: da tagli spesa Usa impatto globale
  9. Stop bus Sita, a terra 33mila utenti
  10. Atene non riesce a pagare i conti, la Svizzera taglia forniture di sangue
  11. Istat: salari 2012 grandi imprese +1,2%, sotto inflazione. Occupazione a -0.9%
  12. Industria: Csc,produzione febbraio -6,8%
  13. I redditi dei politici: Monti paperone ma 30 volte meno del Cavaliere
  14. Per Bankia perdita di 19,2 miliardi di euro
  15. Per Rbs perdite per sei miliardi di euroo
  16. Salari grandi imprese sotto inflazione
  17. Ue-17: inflazione gennaio scende al 2%
  18. Banche, accordo Ue per mettere un tetto ai bonus dei manager. Londra sconfitta
  19. Onorevoli liquidazioni d’oro 
  20. Senza seggio, «consolati» dai maxi-vitalizi I 200 privilegiati con doppia razione
  21. Crisi, l’allarme degli 007: tensioni sociali e possibili attentati spettacolari
 

 

Ieri lamentavo la scarsa trasparenza nella pubblicazione delle delibere della giunta di governo con il post … Trasparenza, Il buon esempio del Governo della Sicilia, del 27.02.2013, mercoledì … sarà stato sicuramnte un caso ma la delibera che mi era stata segnalata adesso è stata pubblicata … ne mancano altre ma dobbiamo essere pazienti … probabilmente!

A proposito della Deliberazione n 70_07022013 … si tratta di una deliberazione con la quale … stanti i problemi economici della Regione … si farà a meno del personale comandato presso gli assessorati dell’economia e della salute!

Sembra che Crocetta voglia dare il benservito a qualcuno dopo aver stabilizzato qualcun’altro.

Interessante l’invito al rispetto della posizione dei dirigenti relativamente ai contratti di lavoro in essere … del resto loro non sono “regionali” … il rispetto della legge è d’obbligo … per loro!

 

 

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 28 febbraio 2013, giovedì
  • DECRETO PRESIDENZIALE 18 gennaio 2013, n. 6. Regolamento di attuazione del Titolo II della legge regionale
16 dicembre 2008, n. 19. Rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali di cui al decreto del
Presidente della Regione 5 dicembre 2009, n. 12, e successive modifiche ed integrazioni.
 
Per consultare i provvedimenti clicca sul link che segue GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 10 del 28 febbraio 2013
 

 

Nuova modifica del regolamento organizzativo degli uffici della Regione. Qualcuno lo vorrà utilizzare come motivazione della rescissione di tutti i contratti dirigenziali per sopravvenuta “riorganizzazione” … ma siamo sicuri che riorganizzazione c’è stata? Mi dite se i vostri dipartimenti hanno subito reali modifiche? Scrivete a fedro.luparello@gmail.com

— — —

Testo tratto dal sito web della Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana http://www.gurs.regione.sicilia.it

(Fonte: Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (p. I) n. 10 del 28 febbraio 2013)

DECRETO PRESIDENZIALE 18 gennaio 2013, n. 6. Regolamento di attuazione del Titolo II della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19. Rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali di cui al decreto del Presidente della Regione 5 dicembre 2009, n. 12, e successive modifiche ed integrazioni. Continua a leggere »

 

Ricevo dall’amico M.V. e divulgo

“No del Tribunale di Padova

di Riccardo Pallotta”

L’articolo segnalato da M.V. è stato pubblicato su www.ipsoa.it

Il caso descritto nell’articolo e trattato nella causa ha una sua specificità ma ciò non toglie che le argomentazioni del giudice non siano le stesse che saranno adottate dai giudici che si esprimeranno sulla le tristi vicende di cui si sono resi protagonisti alcuni dirigenti generali che hanno male interpretato il proprio ruolo … che non è quello di mero esecutore ma di testa pensante (inteso però non in termini di proprio personale interesse!).

Buona lettura e grazie a M.V. 

 

 

Da PA.net – novità giovedì 28 febbraio 2013

Il sito delle Entrate chiarisce le modalità di accesso a tutti i servizi online attraverso un vademecum dettagliato, disponibile anche cartaceo.

È online la banca dati della PA centrale e locale consultabile da tutti: indicatori statistici esportabili e ricerche personalizzate.

 
 

 

Ars, lavori d’Aula rinviati a mercoledì 6 marzo 2013 (h.16)

L’Assemblea regionale siciliana, nella seduta pomeridiana di giovedì 28 febbraio 2013, presieduta dal Presidente Giovanni Ardizzone, ha discusso le interrogazioni della rubrica “Autonomie locali e funzione pubblica” alle quale ha risposto l’Assessore Patrizia Valenti ed ha rinviato la trattazione degli altri punti all’ordine del giorno alla prossima seduta.
I lavori d’Aula sono stati rinviati a mercoledì 6 marzo alle ore 16 con all’ordine del giorno lo svolgimento di interrogazioni della rubrica: 1) “Attività produttive”; 2) la discussione unificata di atti di indirizzo politico e ispettivi sull’aeroporto di Comiso e sul tema delle trivellazioni in terraferma e off-shore; la discussione delle seguenti mozioni: 1) Annullamento del decreto di autorizzazione alla costruzione del rigassificatore LNG di Porto Empedocle, al confine del Parco archeologico Valle dei Templi di Agrigento; 2) Iniziative urgenti circa l’elettrodotto della zona della Valle del Mela.

I testi integrali delle sedute d’Aula e delle Commissioni legislative possono essere letti sul sito dell’Assemblea, www.ars.sicilia

 

Marcello Sorgi, Le sconfitte non contano

Ricevo dall’amico Pierantonio Passante e divulgo

 

 

<<<0>>>

Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello

<<<0>>>

Care amiche e cari amici,

con il post …  Perchè no, La qualità c’è ed è anche buona!, del 27.02.2013, mercoledì  … si parla ancora di Perchè no.

Pensate che ci sia bisogno di Perchè no ?

Cordialmente, Paolo Luparello, “Fedro”

Per contattarmi: Continua a leggere »

 

Nella vita non contano i passi che fai né le scarpe che usi, ma le impronte che lasci
Da Facebook

 
 

Grillo sogna il modello Sicilia Cinque Stelle all’Ars? “È meraviglioso” … l’ho votato … ma non si deve ancora essere ripreso dalla fatica della campagna elettorale!

 

“Noi, che la gita annuale era un evento speciale e nelle foto delle gite facevamo le corna ed eravamo sempre sorridenti.”

 
 
 
 
 

<<<0>>>

L’economia che interessa pochi

  • Il Mibtel della Borsa di Milano ha chiuso oggi a quota 15.827 con una variazione di +1,87% rispetto alla precedente seduta (Fonte: Il Sole-24 Ore)
  • Lo spread sui BTP Italia/BUND 10 Anni alle 17,29 di oggi ha chiuso a 336,00 ed è diminuito rispetto all’ultima seduta (Fonte: Il Sole-24 Ore)

e quella che interessa tanti

  • 2.037.067.189.149 € è il debito pubblico italiano di oggi alle ore 23,13 e continua ad aumentare! (Fonte:Bruno Leoni)
  • pari a un debito pubblico procapite di 33.826 € (Fonte: Bruno Leoni)

senza dimenticare che:

  1. Stabilizzati gli interinali di 3Sun I sindacati: “Accordi rispettati”
  2. Immobili, tutti pazzi per la Sicilia 84 milioni già investiti dagli stranieri
  3. Grande Migliore, riapre Trapani Ecco tutti i dettagli dell’accordo
  4. L’Unione europea stanzia 144 milioni per lo studio delle malattie rare
  5. L’eroe di guerra della Raf vende  le medaglie per pagarsi l’ospizio 
  6. Draghi, mercati a servizio umanita’
  7. Draghi: «L’euro? Strumento di pace La sfida è ridurre la disoccupazione »
  8. Cresce la fiducia dei consumatori Ma cala per imprese ed economia
  9. Crescono i debiti tra le imprese, generano 40 miliardi di perdite
  10. Srl a un euro, è boom: 7.379 in sei mesi, metà in Campania, Lazio, Lombardia e Sicilia
  11. Infortuni sul lavoro in calo del 9% 
 
 

 

Romeo mi ha invitato a leggere la delibera di giunta n. 70 del 7 febbraio 2013 … peccato che non sia ancora pubblicata sul sito delle delibere di giunta. Si salta dalla 66 alla 71.

Come mai tutte le delibere non vengono pubblicate contemporaneamente alla loro distribuzione “cartacea”?

Per un Governo che vuole essere trasparente non è un buon biglietto da visita … o la trasparenza vale solo per gli altri?

 
 

Focus

  • Elezioni e digitale: riflessioni e prospettive
    Chiudiamo con questo articolo l’analisi e il monitoraggio che abbiamo condotto sull’andamento della campagna elettorale per quanto riguarda il tema del digitale, come aspetto trattato nei programmi e come modalità utile alla comunicazione e alla partecipazione
  • Il Movimento 5 Stelle tra populismo, piazza e rete: l’unico futuro porta al digitale
    Le elezioni politiche 2013 si sono concluse con un sostanziale pareggio tra centrodestra e centrosinistra, che prevale alla Camera ma non ha la maggioranza al Senato e dovrà per forza inglobare Berlusconi nel nuovo Esecutivo a larga intesa. Il piccolo problema è che il Movimento 5 Stelle è diventato primo partito italiano grazie alla forza persuasiva del web, di Beppe Grillo tra piazza e blog e di una storica tendenza alla cittadinanza attiva quando ci si sente ormai spacciati

P.A. Centrali Continua a leggere »

 

 

 

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 48 del 26 febbraio 2013

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

  • Approvazione del piano operativo di pronto intervento per la difesa del mare e delle zone costiere dagli inquinamenti accidentali da idrocarburi e da altre sostanze nocive.  – COMUNICATO

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

  • Proroga della procedura di amministrazione straordinaria della Cape Regione Siciliana SGR S.p.a., in Palermo. –  COMUNICATO
 

 

Ricevo, divulgo e commento

“Paolo,

è chiaro che durante il primo incontro ci sarebbero state esternazioni di vario tipo, serve anche per approcciarsi con tutti e comprendere la finalità dell’associazione.

Noi stessi siamo venuti, non per parlare o proporre, ma per capire di più, ascoltare e cogliere le sfumature.

La qualità a me personalmente mi è sembrata “sufficiente” per incominciare un percorso, ma credo non sia ancora abbastanza. Per qualità intendo l’unione di colleghi che non sanno solo lamentarsi con la speranza che sia l’associazione a risolvere le “magagne” regionali, ma appunto essere freddi e propositivi. Gli animi “caldi” spesso non portano a nulla proprio perchè nell’enfasi di dire tutto e subito non si capisce niente.

La partecipazione è stata scarsa, e questo non è positivo ne convieni, quindi molto probabilmente la “sensibilizzazione” non è di tutti malgrado la buona volontà e i buoni propositi, quindi si rischia che a decidere le “strategie e gli obiettivi siano solo in pochi e gli stessi.

Certo comprendo che non è colpa di nessuno, l’astensionismo è un male comune ovunque, ma mi chiedo, forse è il caso che tu sensibilizzi un pò tutti coloro che hanno aderito all’iniziativa tramite il blog o simili, anche per far comprendere di più cos’è “perche no”?

Forse anche facendo capire che abbiamo intenzione (mi pare di aver colto questo lunedi) di tutelare anche i “nostri” interessi di regionali bistrattati, certo utilizzando le giuste parole e la diplomazia che a te non mancano.

Bho non sò questo è in breve il mio pensiero.

Saluti”

Cara amica,

innanzitutto grazie per aver partecipato all’incontro e ancora grazie per aver trovato il tempo e la voglia di indirizzarmi queste tue righe.

Accolgo i tuoi suggerimenti e proverò a essere ancora più divulgativo nella comunicazione attraverso il blog.

A oggi siamo 253 i colleghi ed ex colleghi che abbiamo manifestato l’intenzione di aderire.

All’incontro di lunedì scorso mi aspettavo una partecipazione non superiore ai 10-15 colleghi … avete partecipato in almeno 40 e diversi sono stati quelli che mi avevano anticipato la loro partecipazione e poi non sono venuti, così come molti di più sono stati i colleghi che sono venuti senza avermelo anticipato. Tanti altri colleghi mi avevano anticipato che non avrebbero potuto partecipare per impegni già presi, per motivi elettorali e per motivi di salute.

Considera anche che gli aderenti a Perchè no non sono solo “palermitani”. Fortunatamente abbiamo simpatizzanti in tutte le province siciliane e non era questa l’occasione per sobbarcarsi l’onere di partecipare all’incontro.

L’incontro non voleva essere una assemblea plenaria, aveva lo scopo di scambiarsi le idee su chi siamo e cosa vogliamo fare a beneficio di chi sentiva il bisogno di un confronto in presenza … tutto qua!

Sono fiducioso e spero che le tante amiche e amici non si limitino a una semplice delega, ma che trovino il tempo per portare avanti le iniziative dell’associazione.

Gli scopi dell’associazione sono variegati ma il fine ultimo è quello di rendere giustizia a quei lavoratori della Regione Siciliana che nonostante tutto e tutti continuano a impegnarsi e a far andare avanti l’amministrazione. Potremmo anche far finta che tutto ciò che si dice sui dipendenti della Regione non ci tocca ma non possiamo più sottrarci perchè il discredito che ci viene buttato addosso serve per fare di noi dei lavoratori di serie B … e noi non siamo lavoratori di serie B e dobbiamo pretendere lo stesso rispetto e gli stessi diritti di tutti gli altri lavoratori.

Appena l’associazione sarà costituita proverò a organizzare una assemblea alla quale vedremo di convincere a partecipare quanti più soci possibile e tutti insieme eleggeremo gli organi statutari dell’associazione … in quell’occasione potremo dire se saremo pochi o tanti … ma ti assicuro fin da adesso che qualunque sia il numero la qualità è di assoluto rispetto … fidati!

Ancora grazie e a presto.

 

<<<0>>>

Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello

<<<0>>>

Care amiche e cari amici,

con il post … Perchè no, ancora sul primo incontro, del 26.02.2013, martedì … torno sul primo incontro di Perchè no.

Pensate che ci sia bisogno di Perchè no ?

Cordialmente, Paolo Luparello, “Fedro”

Per contattarmi:

  • via mail all’indirizzo … fedro.luparello@gmail.com
  • tramite Skype all’indirizzo … paolo.luparello
  • tramite cellulare al … 3284206080
I post del giorno
  1. Per riflettere, del 26.02.2013, martedì
  2. La curiosità del giorno, del 26.02.2013, martedì
  3. Noi, che …, del 26.02.2013, martedì
  4. Perchè no, ancora sul primo incontro, del 26.02.2013, martedì
  5. Regione, muri lisci? No problem!, del 26.02.2013, martedì
  6. La cronaca di Giovi, del 26.02.2013, martedì
  7. Dalla Guri, del 26.02.2013, martedì
  8. Quattro righe …, del 26.02.2013, martedì
  9. Sulla ricchezza e sulla povertà secondo Fedro … e non solo, del 26.02.2013, martedì
  10. News da www.regioni.it, del 26 febbraio 2013, martedì
  11. NfA, Bollettino settimanale 09-2013
  12. La newsletter di Fedro, del 25.02.2013, lunedì

Gli ultimi post pubblicati a proposito di Perchè no

  1. Il manifesto dell’Associazione “Perchè no”, del 9 febbraio 2013, sabato
  2. “Perchè no” … Cominciamo o aspettiamo ancora? Che ne pensi?, del 2 febbraio 2013, sabato
  3. Qualche elemento in più su Perchè no … adesso siamo 187!
  4. Perchè no, Stiamo arrivando!, del 24 gennaio 2013, giovedì
  5. Perchè no ha raggiunto quota 162!, del 23 gennaio 2013, mercoledì
  6. Perchè no … ultimo appello!, del 22 gennaio 2013, martedì
  7. Fedro e l’”Organizzazione che vorrei”, del 20 gennaio 2013, domenica
  8. Perchè no … provo a spiegarmi meglio!, del 19 gennaio 2013, sabato
  9. 1.000 per Perchè no … siamo a 53, del 14 gennaio 2013, lunedì
  10. Perchè no, Ne parliamo con l’avvocato, caso n.001, del 12 gennaio 2013, sabato
  11. Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello, del 12 gennaio 2013, sabato
L’organizzazione che vorrei
  1. L’organizzazione che vorrei, Pillola n°2, del 24 febbraio 2013, domenica
  2. “Perchè no” e l’ “Organizzazione che vorrei”, del 3 febbraio 2013, domenica
  3. L’organizzazione che vorrei, Pillola n°1, del 3 febbraio 2013, domenica

I sondaggi di Fedro

Comincio a riproporre i sondaggi di Fedro e comincio da quello sul gradimento del blog. Per votare il sondaggio basta cliccare sulla risposta che vuoi selezionare e poi cliccare sul “pulsante” vota.
I sondaggi li trovate nella colonna di destra della Home page del blog. Vi invito a rispondere ai sondaggi, le vostre risposte mi sono utili!

  • Vuoi che venga affrontato un argomento? Vuoi sapere cosa ne penso di un argomento che ti sta a cuore? Vuoi sapere cosa ne pensano gli altri colleghi? Per chiedermelo clicca sul link Contatta Luparello

Contatti:

  • via mail all’indirizzo … fedro.luparello@gmail.com
  • tramite Skype all’indirizzo … paolo.luparello
  • tramite cellulare al … 3284206080
  • Sono inoltre presente su Facebook (chiedimi l’amicizia) e su Linkedin (chiedimi di aderire al tuo network o chiedi di aderire al gruppo Perchè no)
  • Grazie per la collaborazione. Il blog è ottimizzato per la navigazione con browser diversi da Internet Explorer.

Per favore, pensa all’ambiente prima di stampare questo messaggio.

La diffusione di questa newsletter è limitata numericamente alle amiche e agli amici che mi hanno già fatto pervenire la richiesta di invio. Se la ritieni interessante, inoltrala alle tue amiche e ai tuoi amici che potrebbero essere interessati, invitandoli a iscriversi alla newsletter. Per iscriversi è sufficiente inviare una mail all’indirizzo fedro.luparello@gmail.com e scrivere nell’oggetto “Voglio ricevere la newsletter di Fedro”. La newsletter ha di norma frequenza settimanale anche se il blog viene aggiornato con frequenza giornaliera. Se mi sarà possibile proverò a inviare la newsletter con maggiore frequenza.
Se consideri cosa non più gradita la ricezione di messaggi da questo account di posta elettronica ti invito a rispondere a questo messaggio digitando NO SPAM nell’oggetto. Il tuo account verrà immediatamente cancellato dalla mailing list

 

Gandhi insegnò alla gente a vivere con un coraggio da leoni, spiegando che non si può lasciare la responsabilità delle cose agli altri ma che ci si deve alzare da soli e lottare per la giustizia. In definitiva, il solo modo per avanzare è avere fiducia in se stessi e sviluppare uno spirito indipendente. Questo è il solo cammino che ci condurrà alla vittoria. (Da Facebook)

 

 

Per Alfano risultato “too close to call”. Pd: ‘abbiamo vinto’ – TMNews … non riuscendo a fare una legge elettorale degno di un paese civile … ognuno si sceglie la legge elettorale del paese che più gli conviene … statisti!!!

 

“Noi, che avevamo le tute lucide acetate dell’Adidas che facevano fico, ma erano pure le uniche.”

 

 

Questa mattina, l’amico Romeo, commentando il resoconto del primo incontro di “Perchè no” si interrogava su quanti fossero i colleghi non dirigenti che avevano partecipato all’incontro. Lui pensava un paio su 40. Io ne ricordavo 6 … poi riflettendo ne ho ricordati altri 2 (Leo, Daniela, Giuseppe, Totò, Fabrizio, Roberto, Francesca, Cetti) ma potrebbe essermene sfuggito qualche altro (dubito però!).

Personalmente non sono interessato a fare statistiche o a raggiungere quote critiche. Quello che mi interessa, e che dovrebbe interessare chi crede in questa iniziativa, è il fatto di mettere attorno a un tavolo, anche “virtuale”, donne e uomini di buona volontà che vorrebbero lavorare in un ambiente di lavoro migliore e che non sono più disposti ad aspettare che il miglioramento possa provenire da altri.

A noi devono interessare le persone per le idee che hanno e per la capacità di contribuire a realizzarle.

L’associazione dovrà costruire la propria autorevolezza non per le amicizie su cui può contare ma per la bontà delle proposte che può avanzare. E le proposte saranno tanto migliori quanto più soggetti diversi contribuiranno alla loro definizione. Quante volte avete avuto la possibilità di elaborare una proposta con il contributo di altri soggetti animati soltanto dalla volontà di migliorare la vostra proposta, che diventa proposta comune,  e non di affossarla o metterla in cattiva luce per mero capriccio o per il sano disfattismo che contraddistingue certi colleghi?

Proposta? E’ quella che preferisco portare avanti.

Protesta? Serve per far comprendere che contro le cose che non vanno ci si deve far sentire.

Denuncia? Non si può sempre girare la testa da un altro lato. Gli sprechi e le inefficienze se combattute costituiscono il miglior sistema di spending review e possono evitare spiacevoli sorprese a carico dei lavoratori.

Noi di Perchè no dovremo fare tutto questo e anche altro … e per fare queste cose non si dovrà mai chiedere a nessun aderente se è un dirigente o un funzionario o un collaboratore.

L’unica “selezione” che dovremo fare non riguarderà la categoria di appartenenza ma la volontà di costruire qualcosa.

Vogliamo provare a lavorare tutti insieme?

L’associazione attiverà una serie di gruppi di lavoro tematici interdisciplinari … vuoi proporne uno?

L’associazione dovrà costituire una serie di organi di rappresentanza, di gestione e di controllo … ti vuoi proporre per un ruolo?

Inviate la vostre proposte a fedro.luparello@gmail.com

 

 

Il presidente è stato frainteso. Le sue intenzioni di evitare la sovraesposizione dei funzionari che si occupano di materie spinose è stata male interpretata da alcuni dirigenti generali. Dirigenti generali che si sono invece voluti distinguere per prontezza di risposta trascurando sia le “vere” intenzioni del presidente sia il rispetto di norme e contratti che disciplinano il rapporto di lavoro nel pubblico impiego nell’ente regione. Qualcuno ha anche trascurato il fatto che il presidente ha come riferimento il mondo degli enti locali che non è esattamente uguale a quello della Regione Siciliana.

Dopo i primi atti scomposti adottati da alcuni dirigenti generali adesso si sta cercando di correggere il tiro e si motivano i trasferimenti con “ipotetiche” riorganizzazioni dipartimentali o con “eccedenze di personale”.

Credo che la pezza che si sta provando a mettere sia peggiore del buco che si vorrebbe nascondere.

Alcuni mesi fa fu chiesto ai dirigenti generali di segnalare l’eventuale personale in eccedenza e non ricordo che qualcuno di loro si sia distinto per aver messo a disposizione delle unità di personale … come mai oggi hanno personale in eccesso? Sono diminuite le competenze? E’ diminuito il lavoro? Cos’altro?

E’ curioso come fino a qualche tempo fa (novembre 2012) il dipartimento attività produttive emanava un atto di interpello con il quale provava a reclutare 15 funzionari e 10 istruttori … come mai a fronte di nessuna “new entry” oggi mette a disposizione 23 funzionari o giù di lì?

Invito i colleghi a segnalare tutte le situazioni di cui hanno notizia per le quali c’è o c’è stata una “discrepanza” nel comportamento dei dirigenti generali relativamente alla questione relativa alla dotazione di personale del proprio dipartimento. Come si fa a passare nel giro di qualche mese da una situazione di insufficienza (chiedendone dell’altro) a quella per la quale si mettono a disposizione decine di funzionari … qualcuno potrebbe dover rispondere di danno erariale … o sbaglio?

 
 

 

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 45 del 22 febbraio 2013

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 47 del 25 febbraio 2013

PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

  • Regolamento recante norme generali per la ridefinizione dell’assetto organizzativo didattico dei Centri d’istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, a norma dell’articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.  –  DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 ottobre 2012, n. 263

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

  • Riparto delle risorse finanziarie del fondo nazionale per le politiche giovanili per l’anno 2012, ai sensi dell’articolo 19, comma 2, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, e successive modificazioni.  –   DECRETO 7 novembre 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

  • Atti internazionali entrati in vigore per l’Italia non soggetti a legge di autorizzazione alla ratifica (Tabella n. 1), nonche’ atti internazionali soggetti a legge di autorizzazione alla ratifica o approvati con decreto del Presidente della Repubblica (Tabella n. 2).  –  COMUNICATO
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha