Sono stanco. Vorrei andarmene a letto. Potrei andarmene a letto. Forse sarebbe meglio. Tanto, chi legge queste quattro righe!
 
Eppure sento di dover scrivere ancora qualcosa sulla “rivoluzione di Crocetta”.
 
Sento di scrivere della mia indignazione per il trattamento che ci viene riservato.
 
Ieri è toccato ai colleghi della Formazione. Oggi a quelli del Territorio. Domani a chi? Si fanno già i pronostici. Qualcuno dà il Turismo come prossima tappa, ma anche le Infrastrutture e le Risorse agricole non sono messe male a “gradimento”. Qualcuno scommette sull’outsider Pesca.
 
Il presidente sta giocando al massacro. Anche se continua a dire che non si tratta di provvedimenti punitivi nelle conferenze stampa parla anche dei “guasti” dei dipartimenti “epurati”. Lui non dice che i trasferimenti sono conseguenziali ai pessimi risultati gestionali … non lo potrebbe dimostrare … lascia all’opinione pubblica l’onere del fare 2 + 2! Anche in questo ci vuole abilità!
 
Ma proviamo a immaginare a cosa sta andando incontro l’Amministrazione regionale nelle mani di un presidente che contrariamente alle scuole di pensiero più affermate ha deciso che non si cambia l’allenatore … si cambia la squadra!
 
Alla Formazione sono stati “rimossi” funzionari che occupavano un ruolo nel sistema di gestione e controllo del Fondo Sociale Europeo. Sono figure facilmente sostituibili? Andremo incontro a dei danni?
 
Al Territorio sono stati “rimossi” funzionari con un ruolo nel sistema di attuazione del FESR. In quanto tempo si riuscirà a “coprire” le posizioni vacanti … sempre se si troverà qualcuno disposto ad andarle a coprire, quanto meno per le posizioni dirigenziali?
A proposito del Territorio, poi, mi consta, per conoscenza diretta, che si intende rimuovere il responsabile regionale della dirigenza della Cisl-Fp … ma il presidente conosce le regole per il trasferimento di un dirigente sindacale?
 
Alla Formazione e al Territorio faranno seguito altri dipartimenti … parola del presidente.
A parte la gogna, il disagio di un trasferimento e l’onere di ricominciare in un nuovo ambiente, per un funzionario di Palermo un trasferimento su Palermo è ancora ancora accettabile. Ma la rivoluzione si fermerà solo a Palermo? E’ solo Palermo il regno delle incrostazioni e dell’opacità? Solo a Palermo il presidente vorrà “tutelare” i funzionari della Regione dalla eccessiva esposizione per aver svolto gli stessi incarichi per troppi anni?
 
Cosa si devono aspettare i colleghi delle altre province e delle altre sedi subprovinciali?
 
Basterà che qualche “informativa” segnali delle “anomalie” e il personale sarà costretto a trasferirsi non solo d’ufficio ma anche di residenza?
 
Il presidente, infine, sembra non sapere che i dirigenti non generali sono titolari di contratti individuali di diritto privato … è proprio sicuro che li può risolvere unilateralmente?
 
Insomma, nel giro di poche settimane il presidente potrebbe riuscire a realizzare il blocco perfetto!
 
Dirigenti in causa con l’Amministrazione e profondamente demotivati nell’intraprendere nuove esperienze. Uffici privi dell’esperienza dei funzionari trasferiti d’ufficio che non saranno certamente animati da spirito collaborativo nei confronti dei colleghi che subentreranno loro negli uffici dai quali sono stati “cacciati”!
 
La rivoluzione del presidente. Da un lato il presidente con il vessillo dell’antimafia che combatte la mafia e il malaffare. Dall’altro lato … dall’altro lato ci siamo noi e noi non siamo la mafia e il malaffare … che il presidente stia sbagliando bersaglio?  Ma che sia il caso che qualcuno glielo dicesse?
 
Continuo a leggere documenti sindacali che cincischiano … condividono lo spirito dell’azione riformatrice e rivoluzionaria del presidente e … sommessamente … gli ricordano … ma senza disturbare … che esistono leggi e contratti di lavoro che il presidente dovrebbe rispettare … se lo riterrà opportuno!
 
Ma cosa si aspetta per una mobilitazione di massa di tutti i dipendenti? Non sarebbero maturi i tempi per una assemblea generale dei dipendenti? O forse si temono le reazioni dei colleghi?
Ma se l’unica proposta che avanza il sindacato è quella del “ricorso” … abbiamo bisogno del sindacato per andare da un avvocato?
 
Un’ultima riflessione.
 
Se io fossi il dirigente generale di un dipartimento nel quale vengono allontanati 7 degli 11 dirigenti capi servizio e una ottantina di funzionari, e se non fossi stato coinvolto “nell’operazione” e se non la condividessi … presenterei immediatamente le dimissioni dall’incarico … ma io sono “Fedro”!
 
Nel calcio sembra che sia una direttiva per gli arbitri con la quale viene raccomandato loro che nel dubbio non si devono fischiare i falli!
Io esprimo la mia solidarietà a tutti i colleghi destinatari dei provvedimenti di trasferimento e voglio ancora sperare che il sindacato metta in campo una azione forte di interdizione nei confronti di provvedimenti palesemente illegittimi … le uniche violazioni al momento evidenti … peccato che “Perchè no” non possa ancora dire la sua!
 
Testo tratto dal sito web della Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana http://www.gurs.regione.sicilia.it
(Fonte: GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 4 del 23 gennaio 2013)
 
LEGGE 22 gennaio 2013, n. 4,  Norme in materia di personale. Disposizioni contabili. Continua a leggere »
 
 
 
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 25 gennaio 2013, venerdì
 
ASSESSORATO DELL’ECONOMIA
  • DECRETO 31 dicembre 2012.Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2012, pag. 8
ASSESSORATO  DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI
  • DECRETO 18 ottobre 2012.  Criteri e modalità per l’istituzione e la diffusione del logo identificativo dei prodotti siciliani di qualità “Sicilia Km Zero”, pag. 12
Per consultare i provvedimenti clicca sul link che segue GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 5 del 25 gennaio 2013
 
ASSESSORATO DELLʼECONOMIA
  • CONTO RIASSUNTIVO DEL TESORO  E SITUAZIONE DEL BILANCIO DELLA REGIONE  al 31 luglio 2012
Supplemento straordinario alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (p. I) n. 5 del 25 gennaio 2013 (n. 1)
 
 
 
Due interessanti incarichi al Dipartimento per la Pianificazione strategica, un servizio e una uob …
Per consultare la nota del dipartimento clicca su … Dipartimento regionale per la Pianificazione Strategica
 
 
 

 

EVENTI
NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E ASSISTENZIALI IN SANITA’
Convegno Nazionale – Milano 31 gennaio 2013
CAMPAGNA ISCRIZIONI ANAAO ASSOMED 2013 – LE SLIDES DI PRESENTAZIONE, LE LOCANDINE E IL PIEGHEVOLE DA STAMPARE E DIFFONDERE
ATTIVITA’ SINDACALE
L’ANAAO SUI SOCIAL MEDIA: FACEBOOK, TWITTER, YOU TUBE, FLICKR
RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE: INTERVENGA LA CORTE EUROPEA
Comunicato stampa Anaao Assomed e rassegna stampa
(Adnkronos Salute, QuotidianoSanità, Il Mondo.it, Agenzia Ais, Panorama della Sanità.it, Ansa, Il Sole 24 Ore Sanità.it, Healthdesk.it)
RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE: SINDACATI CONVOCATI AL MINISTERO DELLA SALUTE MERCOLEDI 30
TAR UMBRIA: NO AI TICKET PER L’INTRAMOENIA
La sentenza del Tar Umbria su ricorso dell’Anaao Assomed (sez. I – sentenza n. 19/2013)
IL FUTURO DEL SSN E LE MISURE PER GARANTIRNE LA SOSTENIBILITA’
Intervista al Segretario Nazionale Anaao Assomed su SalutePiù
NEWS
PA: PRONTO LO SCHEMA DI DPR “CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI”
Leggi l’articolo de Il Sole 24 Ore e lo schema di DPR
ERRORI IN SANITA’: LA RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DI INCHIESTA DELLA CAMERA
PERSONALE SSN: IL 5,2% E’ PRECARIO.
I dati del Conto annuale della Ragioneria Generale dello Stato.
Il Sole 24 Ore Sanità
SALA STAMPA
CORRUZIONE IN SANITA’: MEDICI ANAAO, INTERVENTO URGENTE PER GARANTIRE REGOLE
Dichiarazione del Segreterio Nazionale all’Ansa
L’ANAAO SULLA STAMPA: QUANDO LE FERIE SI MONETIZZANO. OBBLIGO DI RISPETTO DELLA NORMATIVA COMUNITARIA IN CASO DI FINE RAPPORTO, di Carlo Palermo e Sergio Costantino
Il Sole 24 Ore Sanità n. 2/2013 – 22/28 gennaio 2013
SPECIALIZZANDI 1999-2006: MAXI-RICORSO DELL’ANAAO
Il Sole 24 Ore Sanità n. 2/2013 – 22/28 gennaio 2013
LEGGI-DECRETI-CIRCOLARI
Funzione Pubblica – nota del 15 gennaio 2013
Congedo straordinario retribuito ex art. 42, commi 5 e ss., d.lgs. 151/2001.
SENTENZE IN SANITA’
Corte di Cassazione – Sesta sezione Penale – sentenza n. 1059/2013
Custodia cautelare in carcere per il primario indagato
Newsletter a cura dell’Ufficio Stampa Anaao Assomed
Clicca qui per non ricevere più la Newsletter
 

<<<0>>>

Perchè non aderisci a “Perchè no”! Vuoi sapere come si fa? Leggi … Aderisci a Perchè no, l’invito di Paolo Luparello

<<<0>>>

Care amiche e cari amici,

un’altra settimana volge al termine.

Una settimana impegnativa sia sul fronte del lavoro sia su quello di “Perchè no” … sembra essere tornati ai tempi di quando facevo sindacato, anche se adesso la cosa è più stimolante.

Proviamo a costruire qualcosa di importante … ci state?

Non posso chiudere questa newsletter senza ribadire la mia personale solidarietà a tutti i lavoratori onesti del Dipartimento della Formazione professionale che, loro malgrado, sono stati dati in pasto alla gogna senza poter esercitare i propri diritti … questo è il concetto di legalità con il quale dobbiamo fare i conti?

Buon fine settimana a tutti e … buona lettura!

Cordialmente

Paolo Luparello, “Fedro”

Per contattarmi: Continua a leggere »

 

 
 
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha