Care amiche e cari amici,
un altro piccolo passo avanti. Perchè no ha raccolto 68 adesioni … ne mancano solo 932.
Hanno aderito colleghi che non ricordo di avere mai conosciuto, grazie a loro e a chi li ha “sensibilizzati”.
Non hanno ancora aderito tanti … ma tanti … amici. Aderiranno?
O mi vogliono tenere sulle spine o forse mi vogliono tanto bene che non vogliono vedermi “affaticare” troppo … pensare positivo, sempre!
Questa sera accontentatevi di questi pochi post … provo a dedicare un paio di ore di lavoro al documento “L’organizzazione che vorrei” che mi ero impegnato a pubblicare la scorsa settimana, e poi devo preparare il “Manifesto” di “Perchè no” che dovrò sottoporre alle amiche e agli amici che hanno manifestato l’interesse ad aderire … sempre che raggiungeremo quota 1.000!
Cordialmente Continua a leggere »
 

Non ho mai incontrato un uomo così ignorante dal quale non abbia potuto imparare qualcosa (Galileo Galilei) – da Facebook

 

 

Delle due candidature non riesco a comprendere quale faccia più scalpore! … Moggi candidato alla Camera con Stefania Craxi
 
 
Ars, lavori d’Aula rinviati a giovedì 17 gennaio (h.16)
 
L’Assemblea regionale siciliana nella seduta pomeridiana di mercoledì 16 gennaio 2013, presieduta dal Presidente Giovanni Ardizzone, ha approvato il seguente ordine del giorno: “il Parlamento impegna il Governo, e per esso l’Assessore per le risorse agricole e alimentari, a non procedere alla registrazione del contratto in favore del direttore dell’ARSEA, a non dare seguito all’atto di interpello del personale, a non effettuare alcuna spesa per il mantenimento in vita dell’ente, e si impegna inoltre, entro trenta giorni, a relazionare in Aula, dopo l’ interlocuzione con l’AGEA, al fine di creare un organismo pagatore regionale efficiente o, in ogni caso, a rendere funzionale le attività dell’AGEA in Sicilia”, al quale hanno apposto la firma i rappresentanti di quasi tutti i Gruppi parlamentari. Questo ordine del giorno sostituisce la mozione sulla dismissione dell’ARSEA (Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura) di cui primo firmatario era l’onorevole Salvino Caputo.
Ad inizio dei lavori il Presidente Ardizzone ha comunicato che il Presidente della Regione, onorevole Rosario Crocetta e un imprenditore siciliano, sono stati oggetto di gravi e vili minacce. Al riguardo ha dichiarato di avere già espresso la Sua solidarietà e quella dell’intero Parlamento regionale con un comunicato stampa, ma che ora, in questa Aula, sente doveroso riaffermare  la Sua vicinanza agli imprenditori tutti e al Presidente Crocetta, sottolineando che di fronte a queste minacce, il Parlamento Siciliano è unito. Siamo tutti dalla stessa parte che è quella di chi rifiuta la violenza, le prevaricazioni e le intimidazioni.
Il Presidente Ardizzone ha comunicato inoltre che l’onorevole Riccardo Savona  ha dichiarato di aderire al Gruppo parlamentare Misto, cessando contestualmente di far parte del Gruppo parlamentare ‘Grande Sud’. Conseguentemente, il Gruppo ‘Grande Sud’, sceso al di sotto del numero minimo di deputati previsto dal comma 2 dell’art. 23 del Regolamento interno dell’ARS per costituire un Gruppo parlamentare, rimane temporaneamente in vita, secondo la prassi di questa Assemblea regionale e di quella vigente alla Camera dei Deputati,  fino a quando il Consiglio di Presidenza avrà deliberato al riguardo, nella prima seduta utile.
Non si è svolta la discussione della mozione “Interventi finalizzati al ritiro del progetto relativo alla costruzione del ponte sullo stretto di Messina” a seguito dell’assenza  dell’Assessore per le infrastrutture e la mobilità, Antonino Bartolotta.
La seduta è stata rinviata a giovedì 17 gennaio 2013 alle ore 16 con all’ordine del giorno: 1) Svolgimento di interrogazioni della rubrica “Salute”; 2) Discussione della mozione “Applicazione dell’Articolo 6, comma 1, lettera h, della legge regionale n. 5 del 2009 relativo al potenziamento e al distacco del P.O. di Augusta da quello di Lentini (SR); 3) Discussione della mozione “Interventi finalizzati al ritiro del progetto relativo alla costruzione del ponte sullo stretto di Messina”.

I testi integrali delle sedute d’Aula e delle Commissioni legislative possono essere letti sul sito dell’Assemblea, www.ars.sicilia.

 
 
Anch’io, naturalmente, esprimo la mia solidarietà al presidente Crocetta per l’atto intimidatorio di cui è stato destinatario insieme a un imprenditore siciliano … Sicilia, lettera di minacce a Crocetta ea imprenditore di Confindustria – Il Sole 24 Ore
Trovo singolare che un presidente che annuncia risparmi per miliardi di euro, licenziamenti e tagli di stipendio per i dirigenti della Regione e della Sanità siciliana, a distanza di poco tempo decida di aprire i cordoni della borsa del bilancio regionale per …
Comunque, prima o poi un programma verrà presentato e allora ci sarà svelato il senso di tutto ciò … spero!
 
<<<0>>>
L’economia che interessa pochi
  • Il Mibtel della Borsa di Milano ha chiuso oggi a quota 17.340 con una variazione di -0,73% rispetto all’ultima seduta (Fonte: Il Sole-24 Ore)
  • Lo spread sui BTP Italia/BUND 10 Anni alle 17,29 di oggi è 267,97 ed è diminuito rispetto a ieri (Fonte: Il Sole-24 Ore)
e quella che interessa tanti
  • 2.002.571.487.679 € è il debito pubblico italiano di oggi alle ore 20,24 e continua ad aumentare! (Fonte: Bruno Leoni)
  • pari a un debito pubblico procapite di 33.253 € (Fonte: Bruno Leoni)
senza dimenticare che:
  1. Figli di nessuno, 3 milioni di italiani che non conosceranno mai i genitori
  2. Befera: “Analisi infedeltà fiscale potenziata con redditometro”
  3. Multe latte, ancora un tentativo per scovare le irregolarità. Un buco di 4,4 miliardi coperto in parte dallo Stato
  4. Rc Auto: ora lo sconto per i clienti lo chiedono gli agenti assicurativi
  5. Maestre pagano mensa a 15 alunni morosi
  6. Unicredit, assunti i 37 lavoratori ex Setesi
  7. Tares, chiesta la proroga – Il Sole 24 Ore
  8. La corruzione costa 60 miliardi all’anno. Si potrebbe azzerare il debito pubblico
  9. Tagli alla scuola per 3,5 miliardi ma aumentano i prof di Religione
  10. La rivoluzione delle banche: sportelli aperti fino alle 20 e il sabato mattina
  11. Ecco dove chiedere un prestito o un mutuo è meno difficile
  12. Le mafie incassano 13 miliardi all’anno
  13. Vecchie auto e biciclette: non si buttano “Si possono retrofittare” 
  14. Auto: -8,2% mercato 2012 Ue-27
  15. Export novembre +3,6% su anno,giu’import
  16. Redditometro, gli «sconti» del fisco Spese e scontrini: 35 mila controlli
  17. Redditometro, la Corte dei Conti: «No all’uso disinvolto dei dati»
  18. Bersani: patrimoniale oltre 1,5 milioni
  19. Mali: Onu, 144mila rifugiati
  20. Regione, allarme degli analisti: “Interi settori rischiano di scomparire”
 
Nell’aderire a “Perchè no” alcuni colleghi mi fanno arrivare anche altri messaggi, tra questi quello che di seguito pubblico.
 
“Colgo l’occasione per informarti che stiamo provando a costituire un coordinamento, a prescindere dall’appartenenza sindacale di ognuno, fra i dirigenti delle Unità Operative della Provincia di xxx appartenenti al Dipartimento Regionale del Lavoro, dell’Impiego ecc..
Stiamo preparando un documento condiviso dal quale far emergere il nostro alto livello d’insoddisfazione riguardo alla situazione di grande incertezza, di assenza di un progetto strategico e di un idoneo modello organizzativo che limitano fortemente l’impegno e l’azione di tutti i dipendenti, dirigenti in testa. Ancora oggi ci troviamo senza contratto dirigenziale, rescisso unilateralmente dalla Dirigente Generale con post avviso anziché con il dovuto preavviso (decorrenza dal 10 settembre 2012 comunicata a fine ottobre 2012). Ma, quello che ci crea più problemi è il prolungarsi del progetto di riorganizzazione del nostro Dipartimento, l’ennesimo negli ultimi anni, proposto dalla Dirigente Generale agli inizi del 2012 e ancora non concretizzatosi.  Saluti”
 
Leggendo queste righe mi domando …
  • Ma come fanno a succedere cose simili in una Pubblica Amministrazione?
  • Il sindacato non può fare proprio nulla?
  • Ma è un problema soltanto dei lavoratori?
 

Focus

  • Alcune condizioni politiche per l’Innovazione
    E’ importante che il prossimo parlamento annoveri un numero più folto di deputati e senatori in grado di agire con competenza sul tema dell’innovazione e che collaborino tra loro in modo sistematico. Ma non basta. Occorre che le politiche strategiche sull’innovazione vedano burocrazia e corruzione come gli ostacoli principali da superare
  • L’ideltipo di burocrazia di Max Weber
    Prosegue l’indagine di Egovnews.it sull’organizzazione scientifica del lavoro: dopo la prima puntata dedicata all’approccio tayloristico e all’organizzazione scientifica del lavoro e la seconda, incentrata sulle teorie delle risorse umane allargate di Henry Fariol, scopriamo il pensiero di Max Weber, padre forndatore della sociologia e tra i primi ad occuparsi della struttura sociale nelle organizzazioni
  • Henry Fayol: un grande capitano d’industria al servizio del management
    Prosegue l’indagine di Egovnews.it sull’organizzazione scientifica del lavoro: dopo la prima puntata dedicata all’approccio tayloristico e all’organizzazione scientifica del lavoro, spazio per le teorie di Henry Fariol, che ha portato sulla scena le funzioni fondamentali delle aziende moderne (amministrativo, commerciale, direttivo) puntando però forte sulla necessità di una minima polivalenza delle risorse umane, al contrario di Taylor
  • L’Italia fanalino di coda europeo dell’innovazione
    Germania, Belgio e Lussemburgo ai primi tre posti secondo la ricerca effettuata da Eurobarometro. Il Belpaese coopera poco o niente con le altre nazioni
  • Il portale dati europei è a uso e consumo di tutti
    Verso l’Opendataday 2013: i dati pubblicati possono essere scaricati dagli interessati per agevolare il riutilizzo, il collegamento e la creazione di servizi innovativi
  • Giovani e arrembanti: le startup innovative nei pensieri di Google e Unioncamere
    Big G investe nei distretti industriali italiani con 20 borse di studio da 6 mila euro l’uno a laureandi e neolaureati
  • Used generated content: il turismo del futuro passa da qui
    Australia, Islanda e Canada protagoniste di strategie comunicative che si basano su massiccio ma intelligente utilizzo dei social network, delle immagini, dei rapporti vissuti in prima persona. Il filo conduttore è la valorizzazione dell’esperienza dei viaggiatori e la capacità di organizzare in modo fruibile una mole di contenuti altrimenti dispersi
  • Perché in rete si parla così poco di politica?
    Attualmente il tasso di penetrazione della politica sul web è del 43%. Difficoltà di comunicazione, poca qualità e mancato rinnovamento della classe politica le cause di un risultato così modesto. Per quanto la fiducia nei confronti di Internet sia alta, le testate dovrebbero ancora lavorare molto e meglio su come coinvolgere i lettori-cittadini. E’ quanto mai urgente muoversi in questa direzione anche per conquistare chi attualmente non utilizza internet. Una serie di utili riflessioni
  • Unioni di Comuni: la rappresentanza diretta e il metodo preferenziale per la formazione del Consiglio
    Il “metodo preferenziale” per la formazione del Consiglio delle Unioni di comuni consente l’elezione diretta dei consiglieri senza prevedere nuove schede elettorali dedicate all’ente sovracomunale pur mantenendone la natura di secondo grado. Un contributo per ridurre il deficit di rappresentanza e aumentare la legittimazione democratica delle Unioni
  • Mira: a Ravenna si investe informandosi online
    Il Comune e la Camera di Commercio hanno realizzato il database digitale Mira, che raccoglie e incrocia diversa banche dati esistenti e fornisce una visione di insieme sugli insediamenti produttivi esistenti e le opportunità per l’avvio di nuove attività nel territorio cittadino
  • Energia e salute: l’ospedale di Udine al centro del progresso cittadino
    La Società di Progetto costituita da Siram, la capogruppo, Rizzani de Eccher, AR.CO. Lavori e CPL Concordia completa in soli due anni la nuova Centrale Tecnologica e il Centro Servizi di Laboratorio e pone le basi per lo sviluppo di un’estesa rete di teleriscaldamento cittadino
  • Mo.Ma Modena Makers
    MODENA FIERE, 19/01/2013 – 20/01/2013
  • SMAU BARI 2013
    BARI, 06/02/2013 – 07/02/2013
  • OPENDATADAY 2013
    , 23/02/2013
  • WORLD COMMUNICATION FORUM 2013
    MILANO, Palazzo della Borsa, 10/04/2013 – 11/04/2013

P.A. Centrali

P.A. Locali

Sanità digitale

Eventi

Seminari e convegni

I siti web delle Amministrazioni e Aziende pubbliche
Firenze 23 gennaio 2013
Udine 30 gennaio 2013
Parma 13 febbraio 2013
Trento 20 febbraio 2013
Olbia 27 febbraio 2013
Varazze (SV) 13 marzo 2013

MASTER IN APPALTI PUBBLICI
Modulo base
Roma marzo – maggio 2013 (7 giornate)

MASTER IN APPALTI PUBBLICI
Modulo specialistico sugli APPALTI DI LAVORI PUBBLICI
Roma giugno 2013 (3 giornate)

MASTER IN APPALTI PUBBLICI
Modulo specialistico sugli APPALTI PUBBLICI DI SERVIZI E FORNITURE
Roma giugno 2013 (3 giornate)

MASTER BREVE (24 ORE FORMATIVE)IL CONTENZIOSO DELL’ENTE PUBBLICO
Le principali controversie e le novità su semplificazioni, liberalizzazione e spending review
Accreditato dal C.N.F. – 24 crediti formativi
Palermo, febbraio – aprile 2013

Editoria specializzata

Il rapporto di lavoro nelle Regioni e negli Enti locali

Per visualizzare nel dettaglio
la scheda del volume clicca qui

 

INFORMAZIONI GENERALI

http://www.egovnews.it/

 

 
 
Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 12 del 15 gennaio 2013
  • Disposizioni per l’attuazione del principio del pareggio di bilancio ai sensi dell’articolo 81, sesto comma, della Costituzione.  – LEGGE 24 dicembre 2012, n. 243
MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
  • Aggiornamento del tasso da applicare per le operazioni di attualizzazione e rivalutazione ai fini della concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle imprese. –  DECRETO 21 dicembre 2012
 

 

Su Il Sole 24 Ore del 17 dicembre 2012 , pag. NT 11, l’articolo dal titolo:

  • Per gli esuberi criteri oggettivi e predeterminati di Anna Guiducci
 
I dipendenti e i dirigenti pubblici da collocare in esubero devono essere scelti sulla base di criteri oggettivi e predeterminati che le singole amministrazioni si devono dare, così da evitare ogni forma di arbitrarietà. È questo il principio affermato dal giudice del lavoro di Padova nell’ordinanza 2685/2012 dello scorso 30 novembre.
Si tratta della prima pronuncia della giurisprudenza sull’applicazione delle nuove regole sulle eccedenze di personale introdotte dalla legge di stabilità del 2012. Questi principi si applicano anche alle eccedenze che si registreranno nella Pa sulla base del decreto legge 95/2012; ma in questo caso i criteri sono predeterminati direttamente dalla legge, senza lasciare margini di discrezionalità significativi alle singole amministrazioni.
Nel dettaglio l’ordinanza ha annullato il provvedimento con cui un Comune aveva messo in disponibilità un proprio dipendente che era in precedenza titolare di posizione organizzativa e, a seguito della mancata conferma in tale incarico, era stato collocato in un altro settore. (…)
«l’individuazione del ricorrente come dipendente da collocare in disponibilità abbia carattere mirato, tutto il contrario della oggettività che deve presiedere alla procedura di collocamento in disponibilità». (…)
 
 
Care amiche e cari amici,
Crescono, lentamente, ma crescono le adesioni a “Perchè no”. A fine giornata siamo arrivati a 63 adesioni, e alcuni colleghi hanno cominciato a fare opera di sensibilizzazione nei confronti di altri colleghi … un grazie di cuore a tutti loro e a tutti voi.

Vi è mai capitato di stare in autostrada, bloccati in un serpentone di auto che si muove a passo d’uomo, e di vedere sfrecciare alcune auto nella colonna di emergenza? Voi rispettate le regole è rimanete lì a perdere del tempo, qualche furbo invece viola le regole e …
Ma chi viola le regole vi crea un danno? Spesso si. Perchè se le auto viaggiano lentamente è perchè ci sarà qualche restringimento della carreggiata e le auto che sfrecciano nella corsia di emergenza “perturbano” il deflusso in corrispondenza del restringimento … rallentando ancora di più il serpentone di auto.
Quello che ognuno di noi fa molto spesso non è neutro per il nostro prossimo.
Fuori di metafora.
Chi fa il suo dovere, lavora e non cerca scorciatoie e “coperture” spesso, troppo spesso, rimane intrappolato in un ruolo dal quale non si muoverà più. Chi invece si affida alla “amorevoli” cure di qualche uomo di potere, lo vedrete sfrecciare … nelle corsie di emergenza.
Tutti hanno diritto a una chance e a un lavoro, ma questo non vuol dire che le stesse chance non si diano a chi segue le regole e aspetta … cosa?
Ci potrà essere un finale diverso? Perchè no!
Cordialmente
Paolo Luparello, “Fedro”
Gli ultimi post pubblicati Continua a leggere »
 

Da Facebook

 

 

Quasi quasi … meglio che a un concorso!!! …  Carceri:Lombardia,9.307 per 6.051 posti
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha