Care amiche e cari amici,

questa credo che sia proprio l’ultima newsletter del 2012. Anche se cascasse il mondo non credo che mia moglie mi consentirebbe di avvicinarmi al pc attese le incombenze dell’ultimo dell’anno … giochiamo in casa!

Anche se alla fine dell’anno si pensa più a trarre il bilancio di quanto è successo, io invece provo a immaginare cosa vorrò fare nel nuovo anno.

Nel post … Cominciamo? Un invito da Fedro … aderisci a “Perchè no”, del 30 dicembre 2012, domenica … provo ad abbozzare il piano di lavoro che mi, spero “ci”, attende. Appena avremo elaborato un qualcosa di più concreto proverò a organizzare un incontro “non virtuale” nel corso del quale avere un primo confronto tra chi è interessato al progetto della comunità di pratica “Perchè no”. Spero che aderirete in tanti, anche se resto sempre convinto che la “quantità” è importante ma la “qualità” lo è di più!

Vogliate gradire i miei più sentiti auguri per un Anno nuovo ricco di soddisfazioni … Perchè no!

Con stima

Paolo Luparello, “Fedro”

Gli ultimi post pubblicati

La riflessione di questa newsletter la affido al ricordo di Continua a leggere »

 

 

Care colleghe e cari colleghi,

ridando un’occhiata ai post che pubblico da qualche settimana a questa parte mi rendo conto che il tempo che sto dedicando al nuovo presidente della Regione, e alla sua attività, ha assunto un peso significativo.

Sinceramente non era mia intenzione, così non era mia intenzione dedicarne tanto anche al precedente presidente, ma come non dire la mia o portare alla vostra attenzione situazioni che meritano una riflessione?

Pur non avendo votato per l’attuale presidente (non mi è piaciuta la strana alleanza che lo sostiene, e probabilmente non sarebbe piaciuta neanche alla maggioranza dei siciliani se questi fossero andati a votare!) non avevo un pregiudizio negativo nei suoi confronti.

Il mio personale giudizio, negativo, di oggi è semplicemente frutto di una lettura degli atti, sarebbe meglio dire delle intenzioni di atti che vuole porre in essere, che dichiara di voler compiere e che in parte ha già compiuto.

Mi ritrovo a essere “conservatore” mio malgrado, io che per formazione e cultura sono altro, di fronte all’attacco violento e ingiustificato che il presidente porta avanti contro la categoria dei dipendenti regionali e della dirigenza in particolare. Io non difendo la categoria “a prescindere”, sono perfettamente conscio dei problemi e delle storture che andrebbero corrette, ma assistere allo spettacolo di un presidente che tratta i dipendenti della “sua” (per il mandato … finchè durerà) organizzazione come il più rozzo dei commentatori anonimi dei quotidiani online, mi mortifica profondamente, come uomo e come servitore della Regione.

Detto ciò, e scusandomi con chi invece apprezza il presidente e ne condivide il “modus operandi”, ritorno sulla iniziativa di “Perche no!”.

Andare appresso alle rivoluzioni dei vari attori del palcoscenico della politica può essere un esercizio, ma sinceramente preferirei confrontarmi con i colleghi che lo vorranno su una proposta concreta di funzionamento e di organizzazione della nostra Regione che nascesse dall’esperienza e dalla reale volontà di far funzionare l’Istituzione, senza piegarla agli “interessi di bottega” dell’amministratore di turno.

Il vecchio decreto legislativo n. 29 del 1993, oggi n. 165 del 2001, aveva in se degli spunti interessanti i quali però sono stati tradotti malamente nella pratica. Si tratta di una norma che se applicata da Amministratori illuminati avrebbe potuto rendere più efficiente e meritocratica la Pubblica Amministrazione italiana. Invece ha accentuato l’appartenenza a discapito, troppo spesso, del merito e delle capacità professionale.

Che fare quindi?

Provare a lavorare alla elaborazione di una proposta che riuscisse a disciplinare tutti gli aspetti della “vita amministrativa” della nostra Regione per evitare l’arbitrio che invece ha regnato sovrano nella passata legislatura, nella presente lo vedremo presto.

I temi sui quali mi vorrei cimentare e sui quali chiedo il vostro contributo.

  1. Una nuova organizzazione degli uffici dirigenziali della Regione.
  2. La regolamentazione del conferimento degli incarichi dirigenziali.
  3. L’attribuzione di posizioni di responsabilità anche a personale con qualifica diversa da quella dirigenziale.
  4. La formazione obbligatoria per l’accesso ad alcuni incarichi.
  5. La valutazione della performance.
  6. Il turn over del personale e la progressione di carriera.
  7. L’adozione del controllo di gestione e delle tecniche del project management nella gestione degli uffici.
  8. La Regione Siciliana come casa di cristallo. Totale pubblicità sui siti web istituzionali di tutti gli atti relativi all’operato dell’Amministrazione.

Su questi temi, e altri ancora che voi vorrete proporre, mi piacerebbe confrontarmi.

Obiettivo?

Provare a elaborare una proposta, appunto, alla quale i diversi “decisori” si possano ispirare se realmente vorranno una Regione che funzioni e non un mero terreno di conquista in cui vivere alla giornata e con un unico obiettivo strategico … mantenere il potere quanto più a lungo possibile, anche ricorrendo “all’ereditarietà”!

E se i “decisori” non vorranno tenere conto di quanto proporremo? Bella domanda!

In questo caso proveremo a “organizzarci”!

Cominciamo?

 

 

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 28 dicembre 2012, venerdì

PRESIDENZA

  • DECRETO 19 novembre 2012. Prezzi di vendita e di abbonamento della Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana e tariffe delle inserzioni per l’anno 2013, pag. 5

ASSESSORATO DELL’ECONOMIA

  • DECRETO 20 novembre 2012.Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2012, pag. 9
  • DECRETO 22 novembre 2012. Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2012, pag. 11
  • Vendite promozionali per l’anno 2012, pag. 32

Per consultare i provvedimenti clicca sul link che segue GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 55 del 28 dicembre 2012

Una selezione dalla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 28 dicembre 2012, venerdì, Serie speciale concorsi n. 21

ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE

  • Revoca del bando per la selezione di un project manager per la gestione del progetto Zelkov@zione LIFE10/NAT/IT/ 000237 , pag. 4

FONDAZIONE GIOVANNI E FRANCESCA FALCONE – PALERMO

  • Concorso per l’assegnazione di n. 10 borse di studio, pag. 12

IRFIS – FINSICILIA S.p.A. – ORGANISMO INTERMEDIO SICILIA FUTURO PALERMO

  • Bando di concorso Oggetto: Misura 4: assegnazione di borse di studio per la frequenza di corsi di alta formazione post laurea magistrale o vecchio ordinamento offerti da istituzioni universitarie e di ricerca di comprovato prestigio internazionale operanti al di fuori del territorio siciliano, pag. 12

Per consultare i provvedimenti clicca sul link che segue GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA n. 55 del 28 dicembre 2012, Serie speciale concorsi n. 21

 
 
Addio Professoressa! Rita Levi Montalcini ha lasciato la sua esistenza terrena. Quello che ha fatto non sarà dimenticato.
 

“Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella ‘zona grigia’ in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi.
Ho perso un po’ la vista, molto l’udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent’anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente.
Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita.
Sono enormemente grata.
Grazie mille a tutti!”
Rita Levi Montalcini

Da Facebook

 

 

Ricevo e provo a rispondere

Caro Paolo,

innanzitutto ti ringrazio per avermi fornito le nuove credenziali di accesso.

C’è un argomento che vorrei sottoporre alla tua attenzione e precisamente la situazione del funzionigramma del Dipartimento regionale del lavoro, dell’impiego,
dell’orientamento, dei servizi e delle attività formative (ex Dipartimento Lavoro accorpato con ex Agenzia per l’impiego). Dal 1 luglio l’Agenzia per l’impiego non esiste più e le relative competenze sono passate al Dipartimento Lavoro che ha assunto il nome di cui sopra. A fronte di questo accorpamento c’è una procedura che prevede una serie di passaggi, tra cui il nuovo funzionigramma che deve essere ancora approvato in Giunta e a seguire deve essere decretato dal Presidente della Regione. Passaggi che dovevano essere fatti quando era ancora in carica Lombardo ma che per una serie di motivi (probabilmente molto validi…) non sono stati fatti. Ora il problema non indifferente, per quanto mi riguarda, è che i contratti dei dirigenti che scadevano il 31/12/2012 sono stati risolti in data 10/09/2012 con decreti del Dirigente Generale, ma non sono stati fatti i nuovi contratti, poichè la Funzione pubblica ha rigettato i decreti di conferimento dei nuovi incarichi. Ciò in quanto la procedura messa in atto è imperfetta, mancando il passaggio dalla Giunta e il decreto del Presidente. Sta di fatto che dal 1 luglio non ci pagano la parte variabile e non si sa come andrà a finire. E ancora più grave è che i dirigenti attualmente di fatto dirigono le nuove Aree e Servizi ma senza contratto, assumendosi anche delle responsabilità che non so che valore abbiano. Il nostro Dirigente Generale, a dire il vero si sta occupando della cosa, ma sembra che la Segreteria Generale boicotti il passaggio in Giunta del funzionigramma, con la conseguenza che noi continuamo a lavorare senza contratto e senza indennità. E poi sarà possibile sanare una situazione che doveva espletare il Governo Lombardo? Cioè Crocetta firmerà un decreto con valore retroattivo?

Tu che ne pensi? e che si può fare per sbloccare la situazione?

Attendo un tuo riscontro.

Ciao, M.”

Caro M.,

premettendo che non svolgo più attività sindacale dallo scorso marzo, provo a dirti la mia sulla situazione che descrivi e di cui avevo già sentito parlare ma non nei termini da te descritti nella tua mail.

Innanzitutto devo dire che ho avuto modo di conoscere la dott.ssa Corsello e mi è sembrata collega preparata e mossa dalla volontà del fare.

In questa vicenda però credo che si siano commessi una serie di errori, primo fra tutti quello di “attivare” un dipartimento senza che questo sia stato apprezzato con una deliberazione della Giunta di Governo. Fino a che questo non succederà l’unica soluzione, anche per un “problemino” di continuità amministrativa, i vecchi dipartimenti dovranno continuare a operare sotto la guida del dirigente generale a cui è stata affidata la delega. Quindi non ritengo che sia stato corretto risolvere i contratti dei dirigenti dei due dipartimenti che però potranno essere “resuscitati” revocando il provvedimento con il quale sono stati risolti “intempestivamente”.

Secondo me, fino a quando non sarà adottato “correttamente” il nuovo funzionigramma restano in piedi le vecchie strutture e su quella base si deve continuare a operare. Credo, ma il consulente legale del tuo sindacato o quello tuo personale potrà essere più preciso, che ci siano tutti gli estremi per adire le vie legali, purtroppo.

Ritengo non percorribile l’adozione di un funzionigramma “ora per allora” in quanto, per quel poco che so di diritto amministrativo (ma sarebbe più opportuno parlare di buon senso), come si farebbe a essere preposti a una struttura dal 1° luglio 2012 quando la stessa è stata costituita nel 2013?

Concordo con te che tutti gli atti emessi dagli uffici “fantasma” sono a rischio di nullità o illegittimità … uno dei tanti ricordi che ci ha lasciato l’ex presidente.

Caro M., consentimi però una riflessione.

Come si può accettare di stare 6 mesi, e chissà ancora per quanto, in questa situazione che non solo è una mortificazione sul piano professionale (ma in che Amministrazione lavoriamo!) ma è anche un danno sul piano economico.

Prendi comunque queste mie considerazioni con il beneficio d’inventario … chi ti risponde è Fedro e non un dirigente sindacale!

Grazie comunque per la stima e la considerazione … e naturalmente Buon Anno … ne abbiamo proprio di bisogno!

 
 

Pur non comprendendo più a cosa possa servire tenersi aggiornato, studiare, elaborare delle proposte … come se il ruolo che svolgiamo fosse di una qualche utilità … vi propongo i documenti pubblicati sul sito web del “Ministro per la Coesione Territoriale” … buona lettura, e grazie all’amico Pierantonio per la segnalazione …

“Roma, 27 dicembre 2012 – Da oggi è online il documento “Metodi e obiettivi per un uso efficace dei Fondi comunitari 2014-2020”  elaborato dal Ministro per la Coesione territoriale, d’intesa con i Ministri del Lavoro e delle Politiche Sociali e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Il testo contiene le 7 innovazioni di un metodo di “valutazione pubblica aperta”, 3 opzioni strategiche su Mezzogiorno, città e aree interne, oltre a proposte di metodo per ognuna delle 11 aree tematicheeuropee.

Per la tempestiva preparazione dell’Accordo di partenariato e dei Programmi operativi, necessari per un salto di qualità nell’uso dei Fondi comunitari nella Programmazione 2014-2020, il documento apre il confronto pubblico coordinato dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione economica, secondo le linee contenute nel capitolo 5 del documento stesso, inviato alla Conferenza Stato-Regioni per osservazioni.

Tale confronto sarà integrato da una consultazione pubblica aperta a tutti i soggetti interessati a fornire contributi che potranno pervenire entro il 15 febbraio p.v. all’indirizzo: dps.programmazione2014-2020@tesoro.it

Per consultare i documenti clicca QUI

 

 

caro Paolo, ho letto anch’io gli articoli sulla rotazione dei dirigenti e ho inviato svariati commenti assolutamente in linea con il tuo allarme. Ma insomma organizzare la struttura non è più compito dei direttori? è ufficialmente compito della politica?non basta più che i direttori accettino tutte le raccomandazioni politiche? alla faccia della distinzione tra programmazione e gestione, è proprio l’esatto contrario! se c’è una cosa che non vale nulla è la legge. Sindacato? addio.   

 

 

Pubblicità di una postazione dirigenziale di responsabile di una struttura intermedia presso il Dipartimento regionale per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico.

Per consultare l’avviso clicca sul link che segue … 2012-12-28-Nota_28_12_2012_n.93523-Dipartimento_Regionale_Attivita_Sanitarie_e_Osservatorio_Epidemiologico-postazioni_dirigenziali_vacanti

 

 

Qualcosa i “grillini” sono riusciti a ottenerla … sembra … e ne fanno le spese, al momento, gli “esperti” dell’ex Agenzia regionale per l’impiego …  I grillini ‘sgamano’ (e bloccano) un’operazione sui dirigenti regionali a contratto

… ma anche Crocetta usa questi metodi? Se questi colleghi vantano dei diritti perchè non lo si dice alla luce del sole anzichè ricorrere ai soli emendamenti criptici? Porte aperte al nuovo che avanza! Naturalmente c’è da capire chi è il nuovo!

 

 

 

I neo stakanovisti dell’ARS approvano l’esercizio provvisorio del bilancio alla Regione Siciliana fino al 30 aprile. Approvano anche altre norme ma dovremo attendere i testi definitivi dei provvedimenti per capire cosa è stato approvato e se ci sono delle sorprese.

Leggendo la newsletter dell’ARS (che riporto in fondo) non si apprende molto, qualcosa in più leggendo l’articolo … Via libera all’esercizio provvisorio Proroghe per 25mila precari  …

Un primo commento che mi sento di fare … il governo regge grazie al Movimento 5 Stelle (vota a favore del governo per senso di responsabilità … io non l’ho votato per questo!). Solito assenteismo dei deputati. Solita attenzione per il mondo dei precari sui quali tutti, alla fine, si trovano d’accordo. Si, proprio una gran bella rivoluzione … gli esponenti del governo non si sono nemmeno tagliati i loro compensi … almeno questo i “grillini” potevano ottenerlo … o no?

“Newsletter n. 9/2012 del 30-12-2012

Ars, approvato l’esercizio provvisorio per quattro mesi

L’Assemblea regionale siciliana nelle due sedute di sabato 29 dicembre 2012, presiedute dal Presidente Giovanni Ardizzone, ha approvato i seguenti disegni di legge:
– “Norme di modifica alla gestione integrata dei rifiuti di cui alla legge regionale 8 aprile 2010, n. 9” con 51 voti favorevoli e 22 astenuti;
– “Autorizzazione per l’esercizio provvisorio per l’anno 2013. Disposizioni diverse in materia di personale” (fino al 30 aprile) con 51 voti favorevoli, 12 contrari e 8 astenuti;
– “Norme in materia di personale. Disposizioni contabili” all’ unanimità con 62 voti;
– “Disposizioni in materia di servizio idrico integrato” con 43 voti favorevoli e 13 astenuti.
I lavori si sono  conclusi in nottata, dopo una lunga sospensione, per consentire alle Commissioni Bilancio e Cultura formazione e lavoro, di riunirsi al fine di esaminare e di esitare per l’Aula i disegni di legge relativi all’esercizio provvisorio  ed alle norme in materia di personale.
Nel corso dei lavori si sono susseguiti gli interventi di deputati appartenenti a tutti i gruppi parlamentari e di esponenti della Giunta di Governo.
La seduta è stata rinviata a martedì 8 gennaio 2013 alle ore 16 con all’ordine del giorno la discussione della mozione sulle “Iniziative per impedire l’installazione del sistema militare MUOS presso la base militare di Niscemi (CL). 
Prima della seduta si riunirà la conferenza dei Presidenti dei Gruppi Parlamentari per programmare i lavori d’Aula.

I testi integrali delle sedute d’Aula e delle Commissioni legislative possono essere letti sul sito dell’Assemblea, www.ars.sicilia.

Dal mio sindacato ricevo i testi delle due leggi approvate nel corso della seduta dell’ARS:

  1. DISLEG0058 – Norme in materia di personale. Disposizioni contabili
  2. DISLEG0070 –  Autorizzazione per l’esercizio provvisorio per l’anno 2013. Disposizioni diverse in materia di personale


 

 

Leggendo questo articolo non so se ridere o piangere … Bianchi: “Bilancio trasparente” Tagli, spunta un nuovo ticket … in pratica il nuovo assessore fa una “leggera” critica a come è stato gestito il bilancio fino a prima del suo avvento e al contempo i dirigenti del dipartimento bilancio vengono promossi ai più prestigiosi incarichi … come è quel detto … Promoveatur ut amoveatur … vuoi vedere che come al solito la colpa è di una sola persona … magari era colpa mia?

 

 

La Cisl scende (o sale?) in campo a difesa dei dipendenti della Regione Siciliana. Anche la Cisl, come in precedenza altre due sigle sindacali (le maggiormente rappresentative della categoria!), chiede al presidente della Regione di avviare il confronto per mettere mano ai veri sprechi. Il presidente della Regione li convocherà? O continuerà a sparare ad alzo zero contro i dipendenti e in particolare contro i dirigenti? …    “No all’accanimento contro i dipendenti della Regione”  …

Sinceramente ho qualche dubbio che il presidente convocherà i sindacati. Lui ha già deciso. Ha la sua ricetta. E noi, i dipendenti della Regione, dobbiamo essere gli “agnelli sacrificali”!

E’ interessante anche la disparità di trattamento che il presidente vuole attuare tra i dirigenti della Regione ai quali vuole tagliare il 20% dell’indennità di posizione e quelli della sanità siciliana dai quali si accontenta di un semplice 10% (così almeno si legge in questo articolo … Tagli ai dirigenti e nuovi ticket Ecco la Finanziaria da 200 milioni). Sarebbe interessante capire la “ratio” di ciò! A noi, dirigenti della Regione, un taglio del 20% su compensi fermi al 2005, mentre ai dirigenti della sanità un taglio del 10% su compensi adeguati al 2009.
Queste decisioni spero che vengano “motivate”! Non sarebbe bello che fossimo tornati a un tempo in cui, che noi contemporanei non abbiamo certamente vissuto, in cui il “principe” decide a “sentimento”. Ci dovremo aspettare che un trattamento di favore potrà essere riservato a chi ha gli occhi scuri o i capelli biondi o parla l’arabo?

Senza trascurare il fatto che la materia contrattuale è stata “privatizzata” e che il “legislatore” si dovrebbe astenere da interventi che potrebbero essere passibili di sanzione da parte della Corte Costituzionale (come, mi viene suggerito, è successo alla Regione Sardegna … Leggi qui).

Non vorrei che il tutto si risolvesse in una sorta di “mercanteggiamento” per tagliare a qualcuno e per dare a qualcun altro!

Non dimentichiamo che il presidente della Regione non è stato eletto dalla “maggioranza” dei siciliani e quindi ha bisogno di dare segnali per “allargare” il proprio consenso. Infatti la macelleria sociale la vuole fare con i dirigenti, non certo con l’esercito di precari che la classe politica ha reclutato e continua a reclutare … per fare cosa? Questa domanda non se la pone nessuno!

Ai dipendenti della Regione, giustamente, si chiede conto e ragione delle cose che non vanno (anche se di competenza della politica … sigh!), sull’attività dei precari invece nessuno si interroga sulla utilità delle loro prestazioni. Del resto perchè ci dovremmo interrogare? Le nostre città sono linde e pulite, il nostro territorio è curato come un giardino all’inglese, il patrimonio culturale è sempre fruibile, i servizi sociali sono puntuali e domiciliari, il rapporto della cittadinanza con gli uffici comunali è idilliaco … perchè ci dovremmo interrogare sulla “utilità” di queste prestazioni professionali? Naturalmente il problema non sono i precari (ai quali andrebbe data o una dignità di lavoratori a tutti gli effetti o si dovrebbe chiamare con il vero nome il compenso che viene loro erogato … reddito minimo garantito e lasciandoli alle loro case o alle loro professioni abituali) ma di chi non riesce a organizzare in maniera efficiente ed efficace questo esercito di lavoratori che potrebbero realmente cambiare il volto della Sicilia e invece …

Io credo che se dopo la parentesi “festaiola” non ci sarà l’avvio di un confronto serio, rispettoso dei ruoli, tra il governo e i sindacati, si dovrà avviare un momento di confronto tra i lavoratori, tutti, e il sindacato.

A quando la parola ai lavoratori?

P.S. Ricevo dalla Cisl il testo della lettera inviata al presidente della Regione parzialmente ripresa nell’articolo sopra segnalato di Live Sicilia. Per leggerlo clicca QUI ( LETTERA A CROCETTA)

 

 

 
 

Ieri ho parlato troppo presto. Non era l’ultima newsletter dell’anno.

Domani il Governo regionale porterà in aula un ddl con il quale si dovrebbe approvare l’esercizio provvisorio, ma qualcuno mi ha fatto presente che il ddl potrebbe contenere anche dell’altro … chi può vigili … e faccia vigilare!

I post del giorno

  1. Allarme colleghi, la stagione buia non è finita!, del 28 dicembre 2012, venerdì
  2. Il sindacato alla ricot… scusate … alla riscossa, del 28 dicembre 2012, venerdì
  3. Regione Siciliana, Mobilità dirigenti verso enti locali, del 28 dicembre 2012, venerdì
  4. La newsletter di Fedro, del 27 dicembre 2012, giovedì

I sondaggi di Fedro Continua a leggere »

 

 

Domani andrà in aula il ddl per l’approvazione dell’esercizio provvisorio e i deputati ancora non lo conoscono. Perchè? Forse perchè non si tratta delle solite “tre righe” ma si tenterà di inserirci di tutto e di più … alla faccia dell’esercizio provvisorio?

Altra cosa interessante è che si prevedono già quattro mesi di esercizio provvisorio! Non i soliti due mesi eventualmente prorogati di altri due mesi … direttamente quattro mesi. Perchè? Con uno squadrone di governo come quello messo in campo dal presidente è così difficile formulare una legge di stabilità degna di questo nome? Probabilmente si e soprattutto … quale maggioranza la dovrebbe approvare?

Ma andiamo al sodo per quanto riguarda, in questo momento, i dirigenti della Regione.

Taglio delle indennità e “maxirotazione”.

Nella migliore tradizione dell’ex presidente Lombardo il neo presidente vuole “delombardizzare” gli uffici, così come Lombardo li aveva “decuffarizzati”. Ma il nuovo presidente vuole fare di più … vuole ridurre il trattamento economico dei dirigenti.

Andiamo con ordine.

Taglio delle indennità di posizione dei dirigenti

Dopo le prime “boutade” il presidente ha corretto il tiro. Ha fatto una direttiva con la quale viene dato mandato all’Aran Sicilia di ricontrattare con i sindacati il ccrl per tagliare le indennità dei dirigenti. Domanda. Ma quale sindacato rappresentativo della dirigenza si andrebbe a sedere a un tavolo nel quale gli unici a pagare sarebbero i dirigenti?

Qualcuno deve aver prospettato il dubbio e sono già scattate le contromisure. Blocco dei contratti in scadenza (si parla di 1000 contratti) con “proroga” di 3 mesi della loro vigenza nelle more della contrattazione. Domanda. Quale norma prevede la proroga di un contratto di diritto privato disciplinato da un contratto collettivo regionale?

Qualcuno deve avere suggerito anche questo “problema” ed è stata trovata la soluzione … qualcuno sta scrivendo (forse lo ha già scritto) un articolo che vedrà la luce nel ddl sull’esercizio provvisorio. Contenuto? Provate a immaginarlo!

Non c’è che dire! Il rispetto delle regole innanzitutto.

Maxi rotazione dei dirigenti.

Il nuovo governo sa come funziona il conferimento degli incarichi dirigenziali? Sembrerebbe di no! Proviamo a ripercorrere i passaggi salienti … previsti naturalmente dalla legge regionale 10 del 2000 e dal ccrl dell’area della dirigenza.

Gli assessori propongono la nomina dei dirigenti generali che vengono sancite con delibere di giunta. Stop! Sarà cura dei dirigenti generali provvedere al conferimento degli altri incarichi dirigenziali esperite le procedure previste dai criteri concertati con i sindacati.

Che diritto hanno il presidente e gli assessori di invadere la sfera gestionale di stretta competenza dei dirigenti generali?

Non c’è che dire! Anche qui il rispetto delle regole innanzitutto.

Da quando lavoro, tra pubblico e privato circa 25 anni di cui 20 in Regione, questa è la prima volta che mi sento realmente umiliato. Prima era soltanto l’opinione pubblica che inveiva contro di noi … adesso è il massimo rappresentante della nostra Istituzione ad avercela con noi … con me … in 25 anni è la prima volta che il mio datore di lavoro non mi rivolge nemmeno gli auguri per queste festività. Vorrà dire qualcosa?

Da dipendente della Regione Siciliana continuerò a svolgere il mio lavoro con impegno e professionalità e continuerò a essere leale con la mia Istituzione.

Da privato cittadino cercherò di capire meglio cosa produrrà questo governo … fumo o arrosto? E soprattutto … fumo per chi e arrosto per chi?

Di seguito una rassegna stampa sulle notizie del giorno relative all’attività del governo … un’ultima domanda … anzi due …

  • secondo voi tagliare 900 milioni di € o 1 miliardo di € è la stessa cosa? Spero che non si tratti di dati della Ragioneria generale!
  • Citare l’articolo 33 o 37 dello Statuto a proposito di imposte è la stessa cosa? Sarà il solito refuso della stampa?

Inutile dirlo che domani all’ARS i nostri sindacati “vigileranno” per evitare sorprese per i dipendenti della Regione, sperando che non siano distratti dall’emergenza precari!

Ancora una volta vi rivolgo l’invito a riflettere insieme sul nostro ruolo di dipendenti regionali … non possiamo essere alla mercè di politici che hanno provocato il baratro che sta sotto gli occhi di tutti e che non sanno che darne la colpa a noi! Noi di una cosa possiamo essere colpevoli … di non aver messo al primo posto l’Istituzione e di non aver creduto nella nostra professionalità … è il momento di dire basta!

  1. Regione, sì alla rotazione dei dirigenti e tagli alla spesa per 900 milioni
  2. Precari, commissione Ars approva la risoluzione Pd
  3. Bilancio provvisorio della Regione C’è anche la norma salva-Messina
  4. Maxirotazione per i dirigenti e “prestiti” agli Enti locali
  5. “Sì al bilancio provvisorio Risparmio di un miliardo”
  6. Proroga precari, emendamento per chi lavora da dieci anni
  7. Regione, maxi rotazioni e tagli agli stipendi per i dirigenti
  8. Regione, lotta a sprechi e risparmio di un miliardo: approvato bilancio provvisorio
  9. Regione approvato l’esercizio provvisorio Crocetta: “Tagli e risparmi per un miliardo”
 

Bontà loro ricevo informazioni dagli amici del Sadirs.

In una mail delle 13,32 di oggi, senza oggetto e senza documenti allegati proveniente dal solito indirizzo info@sadirs.it trovo scritto …

“NONOSTANTE LE DIFFICOLTA’ SIAMO RIUSCITI A FARE PAGARE LA VACANZA  CONTRATTUALE”

che avranno voluto dire?

In un’altra mail proveniente sempre dallo stesso indirizzo di posta elettronica trovo invece un comunicato congiunto dal titolo

“Regione, sulle riforme il governo regionale apra al dialogo con i sindacati”

… la “vibrante” protesta che tutti i dipendenti regionali attendevano … si raccomanda la lettura a un pubblico adulto e non in presenza di minori!

Il vibrante  “Comunicato” … comunicato stampa congiunto- 28.12.12 … avranno rovinato il fine anno al presidente?

 

Dal mio sindacato ricevo la comunicazione della Funzione pubblica il cui testo riporto …

“Si trasmette la nota prot. n.173390 del 27.12.2012, avente ad oggetto:”Mobilità volontaria del personale regionale con qualifica dirigenziale presso gli enti locali. Legge regionale 16 gennaio 2012, n.9, art.1, comma 4. Procedure e criteri. Prime disposizioni”
Il Dirigente Generale, Dipartimento regionale Funzione Pubblica e Personale, (Bologna)”

Ci sono diverse cose che nell’iniziativa non convincono. Alcune invece convincono eccome.

Partiamo da quelle che convincono.

  • Finalmente si avrebbe il trattamento economico dei dirigenti degli enti locali e di questi tempi significherebbe aumentare sensibilmente il proprio reddito (nel biennio si avrebbe l’incremento della sola indennità di posizione … a regime si dovrà avere l’equiparazione anche del trattamento fondamentale).

  • Si potrebbe inoltre contare su un ente previdenziale “serio”, l’INPDAP/INPS, anche se c’è da capire cosa costerà alla Regione trasferire i contributi versati dal dirigente al nuovo ente previdenziale

  • Nessuno contesterà più la qualifica dirigenziale e soprattutto si potrà finalmente dire per quale ente si lavora … i colleghi degli enti locali non credo che abbiano alcuna ritrosia a dire dove lavorano e con quale ruolo … per molti dirigenti regionali invece si preferisce glissare sull’argomento al fine di evitare i soliti luoghi comuni. Il bello è che la Regione non è in dissesto mentre molti enti locali lo sono o lo saranno presto … ma questo non importa!

Gli aspetti meno convincenti riguardano invece:

  • e se l’ente locale va in dissesto che fine fa l’ex-dirigente regionale in mobilità nell’ente? Licenziato?

  • Perchè si deve attendere che l’ente locale comunichi le postazioni dirigenziali vacanti? Gli enti locali non hanno dei funzionigramma e degli organigramma rispetto ai quali sono immediatamente individuabili le postazioni da coprire?

  • Perchè il dirigente che intende accettare un incarico presso l’ente locale dovrebbe chiedere il parere al dirigente generale del dipartimento di appartenenza? Quale dipartimento di appartenenza? Non apparteniamo oramai al ruolo unico della dirigenza? Sarebbe stato più opportuno prevedere che per coloro che risultano “legati” da un contratto individuale con scadenza in tempi non coerenti con la mobilità, la Funzione pubblica avrebbe potuto risolvere d’imperio il contratto … visto che stiamo parlando di “contenimento della spesa”!

Sicuramente non sfuggirà alla vostra lettura qualche altro spunto “critico” e vi invito quindi a leggere il documento che allego.

Non so quanto verrà attuata questa disciplina … soliti specchietti per le allodole?

Per leggere la nota della Funzione pubblica clicca su  …  Mobilità volontaria NOTA 173390 del 27.12.2012

 

Care Amiche e Cari Amici,

questa potrebbe essere l’ultima newsletter del 2012 e quindi, prima di tutto, voglio augurarvi un 2013 che possa essere come lo desiderate, per voi e per le persone che amate o a cui semplicemente tenete.

Di seguito vi riporto i link ai post pubblicati dall’ultimo invio della newsletter … spero che siano di vostro interesse.

Colgo l’occasione per ringraziare gli amici e colleghi che hanno già manifestato l’interesse per il progetto che ho in mente e di cui ho scritto nell’ultima  newsletter.

In questi giorni proverò a definire meglio il “progetto”, dopodiché ve lo sottoporrò affinchè voi possiate aggiungere, emendare, correggere … insomma dare il vostro contributo.

Dove voglio arrivare? Vorrei che ci potessimo sentire vivi … fossimo vivi, per meglio dire.

Non si può subire silenti il destino “cinico e baro” … il destino è anche ciò che seminiamo!

Nell’augurarvi una buona lettura vi rinnovo i miei auguri per un Buon 2013!

Gli ultimi post di Fedro Continua a leggere »

 

“Quando parli, il tuo discorso deve essere migliore di quello che sarebbe stato il tuo silenzio.”
Proverbio arabo

Da Facebook

 

 

<<<0>>>

L’economia che interessa pochi

  • Il Mibtel della Borsa di Milano ha chiuso oggi a quota 16.408 con una variazione di +0,46% rispetto a ieri (Fonte: Il Sole-24 Ore)
  • Lo spread sui BTP Italia/BUND 10 Anni alle ore 17,29 di oggi è 320,85 ed è aumentato rispetto a ieri (Fonte: Il Sole-24 Ore)

e quella che interessa tanti

  • 1.989.629.456.987 € è il debito pubblico italiano di oggi alle ore 21,59 e sembra che stia diminuendo … così sembra dal sito del Bruno Leoni! (Fonte: Bruno Leoni)
  • pari a un debito pubblico procapite di 33.038 € (Fonte: Bruno Leoni)

    all’Istituto Bruno Leoni devono sapere qualcosa che sfugge ai più!

senza dimenticare che:

27 dicembre 2012, giovedì

  1. Natale, -25% biglietti cinema venduti
  2. Due famiglie sorprese a rubare nel supermarket, merce nascosta … – Altopascio.info
  3. Si chiude l’anno vissuto pericolosamente del debito italiano. E il 2013? Gli esperti: spread giù a 250 punti
  4. La fiducia delle imprese scende ai minimi dal 2006
  5. Con la crisi persi 24 miliardi di Pil e 330mila posti di lavoro al Sud
  6. Imu, alimentari, rc auto e bollette “Nel 2013 stangata da 1500 euro” 
  7. Rincari di Natale alle Poste: lettere a 70 centesimi (+16 … – Il Sole 24 Ore
  8. La tavola di Natale è costata 2,5 miliardi, il 10% in più rispetto allo scorso anno
  9. Il canone Rai aumenta di 1,50 euro  
  10. Natale e consumi, il Codacons: «Mai così male da dieci anni»
  11. Precari, allarme Cgil: a fine anno centinaia di migliaia rischiano il posto
  12. Sotto l’albero l’export trova 23 miliardi
  13. A Napoli pranzo Natale per mille poveri
  14. Per pagare spese e tasse, le famiglie devono lavorare fino al 14 dicembre. Alle coppie con 2 figli restano solo 17 giorni per risparmiare
  15. Natale in casa per il 92% degli italiani, si rinuncia al ristorante. Cresce il Made in Italy in tavola
  16. Natale italiano, tra cibi e bevande si spenderanno 2 miliardi e mezzo 
  17. Lo Stato fa pagare 89 mila euro di Imu al centro contro la leucemia
  18. Commissione Inps in stallo: 3 mila persone senza cassa integrazione
  19. Fondi, raccolta positiva per 852 milioni
  20. Tre miliardi bruciati, Alitalia ha bisogno di un altro salvataggio
  21. Istat, crolla la fiducia delle famiglie Lavoro,ancore ferme le retribuzioni
 

 

Qualche giorno fa ho ricevuto la mail avente per oggetto “Trasmissione elenco obblighi di pubbligazione on line aggiornato con la legge 190 del 2012” e il cui testo di seguito riporto

“Si trasmette la nota prot. n.168956 del 14. 12.2012, con l’allegato elenco degli  obblighi di pubblicazione on line,  aggiornato con  i nuovi obblighi di pubblicazione introdotti dalla legge 6 novembre 2012 , n. 190  recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della  corruzione  e dell’illegalita’ nella pubblica amministrazione“ .

Al fine di agevolare le attività di competenza dei responsabili del procedimento di pubblicazione dei contenuti sul sito istituzionale si trasmette l’elenco anche in formato  excel.

Cordialità, Buon fine settimana”

 

In particolare vi segnalo il file in excel … una vera agevolazione! I colleghi ringraziano sentitamente!

 

Il concorsone degli insegnanti

La stampa nazionale ha riportato gli esiti della prova di pre-selezione dei candidati da ammettere all’ennesimo concorsone per il reclutamento degli insegnanti. La premessa (il reclutamento tramite “concorsone”) e’ gia’ deprimente. Ma ancora piu’ deprimente e’ dare una scorsa alle domande (tutte disponibili sul sito del ministero), e scoprire che due terzi dei 264mila concorrenti non sono riusciti a passare il test. Incuriosito, sono andato a guardarmi alcune domande e ho imparato qualcosa, se ce ne fosse bisogno, sullo stato del paese e sull’esigenza di fermarne il declino.     Leggi il resto dell’articolo

Non e’ un paese per ricercatori

La Newsletter di dicembre 2012 dello European Research Council (ERC) fornisce dati utili per confrontare la performance delle “eccellenze” accademiche all’interno dell’Unione Europea. L’Italia, manco a dirlo, non fa una bella figura. Anzi fa una doppia brutta figura  … Leggi il resto dell’articolo

Il giorno della sconfitta e quello della vittoria

Una cronaca post-elettorale. Perché è bene non pigliarsi mai troppo sul serio.  …  Leggi il resto dell’articolo

 

 

  1. Segno che siamo sempre in Sicilia o la crisi non permette altro? … Palermo, tre giovani accoltellati di fronte al BingoLite per un parcheggio sotto casa Accoltellato un uomo a Palermo … il riferimento è naturalmente all’uso del coltello!

  2. Poi vai a convincere il nonnino che non c’è un complotto della magistratura … Grasso chiede l’aspettativa per motivi elettorali In campo con il Partito democratico … ma glielo fanno apposta? Ma le malelingue sostengono che la risposta sia già pronta … Salvate il soldato Dell’Utri Nasce Lega Sud, guida Miccichè … la solita “bufala”!

  3. Stimo Monti e sono seriamente interessato a quello che intenderà fare alle prossime elezioni. Poi però penso che in caso di vittoria potrebbero andare al governo con lui alcuni ex ministri e allora mi viene qualche brivido. Questa notizia … Fornero chiude con la politica: “Guai a rinnegare le nostre riforme” … farà certamente crescere i consensi per Monti … se poi qualche altro la seguisse … non sarebbe male!

  4. A proposito dello scendere in campo (classico fu quello del nonnino) o del salire in politica (novità introdotta da Monti) … Berlusconi: «Monti sale in politica perché di rango inferiore» … e naturalmente tutti saranno fieri del fatto che il nonnino è di un rango superiore … naturalmente anche dei suoi elettori! … e ce lo dobbiamo fare spiegare da oltre Tevere il senso della salita di Monti … Osservatore romano con Monti: “Vuole recuperare senso alto e nobile”

  5. Sembra che Crocetta voglia sapere come si è prodotto il debito di 5 miliardi di euro che grava sulla Regione, ma ha idea in che stato si trovano altri enti locali? … I debiti di Torino e le perdite della Provincia di Milano … e loro non hanno le decine di migliaia di precari ai quali anche Crocetta sembra essere tanto affezionato!

  6. Fare le primarie? Lui? Forse teme un voto “condizionato”? … Lumia si candida con Crocetta: presidenti dei circoli del Pd contro il senatore

  7. Naturalmente Crocetta non potrà resistere al grido di “dolore” … Novamusa a Crocetta: ora costretti a licenziare … ma questi cosa si aspettavano? Forse pensavano che non sarebbe mai giunto il momento in cui un Crocetta non andasse a guardare i conti? … La Regione chiede il conto a Novamusa “Restituiteci 42 milioni di incassi” … e più che di “restituiteci” parlerei di “dateci” … e adesso con Crocetta e Zichichi gli introiti andranno alle stelle … Palermo città d’arte con i musei chiusi portone sbarrato all’Abatellis … sempre che riusciremo a tenerli aperti i siti da visitare!

  8. Se proprio l’Agenda Monti risultasse troppo pesante … leggete … L’Agenda Monti dopo cena  … tanto per saperne parlare … e leggete anche i commenti! Se poi qualcuno si leggesse … Anche Grillo lancia la sua agenda … poi mi fa un riassunto?

 

 

 

A proposito di tagli di stipendi invito i colleghi dipendenti regionali a leggere questo articolo … La sentenza sul taglio degli stipendi ai magistrati: il diritto … è un po’ lungo ma vi troverete tanti spunti che ci potranno tornare utili nel momento in cui “qualcuno” deciderà che alla Regione si guadagna “troppo” e che è tempo di qualche “sforbiciata”.

Passi che i giornalisti acchiappino “lucciole per lanterne”, certi giornalisti … naturalmente, ma che un presidente non sappia quali sono le retribuzioni dei propri dipendenti … dall’ultimo operatore assunto al dirigente più anziano non è grave … è gravissimo! Perchè se fosse questo l’approccio che seguirà nell’affrontare le tante emergenze che attendono la Regione … saremmo messi molto male … a chi potrebbe chiedere lumi … a Zichichi? A Battiato? Alla Scilabra? Forse agli altri?

Ma Monti non potrebbe fare un po’ di formazione?

 

 

Insomma rischiamo o non rischiamo il default? Le elezioni le hai vinte. Si potrebbe mettere da parte adesso la campagna elettorale e quella mediatica e cominciare a dire le cose come stanno? Possibile che nessuno si alzi e ti chieda di che cosa stai parlando? … Regione, è allarme sui conti in rosso Crocetta annuncia tagli da un miliardo … per quel poco che so se un ente va in default la prima cosa da fare è ridurre il costo del personale e questo avviene mettendo, purtroppo, in mobilità il personale. Ma se in default ci vanno i comuni … mi spieghi perchè dovrebbero essere seguiti dalla Regione? Per salvare i comuni la Regione dovrebbe far pagare i propri dipendenti? Chi sono i colpevoli dei dissesti degli enti locali? I dipendenti o gli amministratori (leggi politici)? E’ ora che si presenti il conto a chi ha utilizzato l’ente pubblico per accrescere il proprio potere e non per il benessere della comunità! Cominciate a pagare voi!

Se avete assunto personale contro ogni logica di buon senso la colpa è vostra, politici!

Se non avete governato le entrate dei vostri enti (tarsu, tosap, altro) la colpa è vostra, politici!

Se avete affidato società di “influenza pubblica” a soggetti incapaci che come voi hanno assunto personale senza nessun criterio e hanno gestito il bilancio con “atteggiamenti disinibiti” degni di una casa di malaffare (anche se dubito che lì i conti siano maltenuti!) la colpa è vostra, politici!

Politico, tu ti sei circondato di nani e ballerine pur di giganteggiare!

Adesso non presentare il conto a me … io questo conto non lo voglio e non lo devo pagare!

Questo conto lo devi pagare tu, rimandando a casa i nani e le ballerine (Monti docet!) e mettendo al posto giusto le persone capaci … simpatiche o antipatiche che siano, rosa o blu che siano.

Quando cominci? Le chiacchiere stanno a zero!

 

 

Dietro un titolo apparentemente innocuo … Crocetta e “l’amico” Ingroia: “Non so se regge politicamente” … il presidente Crocetta lancia un altro siluro contro i dipendenti regionali … “ … “Abbiamo ridotto tutti gli straordinari e non escludo anche che si possa arrivare al contratto di solidarietà nell’ente pubblico: piuttosto che licenziare stringiamoci un po’ tutti”. Intervistato da Il Fatto Quotidiano, il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, affronta il tema dei tagli da applicare alla voce uscite del bilancio regionale. …” … Questo è il passaggio dell’intervista che se indirizzato alla Regione rappresenterebbe un altro tassello della personale opera di demonizzazione che il presidente sta portando avanti contro la Regione e i suoi dipendenti.

Nell’ordine, il presidente ha lanciato la sua crociata, alla quale naturalmente ha aderito tutto il meglio del qualunquismo e del forcaiolismo siciliano:

  • contro gli stipendi dei dirigenti (non soltanto contro i dirigenti generali ma anche contro quelli che hanno un reddito da 65 e 90 mila euro lordi annui) per i quali vuole, tanto per cominciare, una riduzione di almeno il 20 % dell’indennità di posizione (da 700 a 4.600 euro lordi annui a seconda degli incarichi)
  • e adesso ci mancava soltanto il “contratto di solidarietà” … tradotto in soldoni “lavoriamo tutti (i soliti), lavoriamo meno (forse) e prendiamo meno soldi (certamente)” … ma qualcuno ha detto al signor presidente che il contratto di solidarietà ce lo ha già applicato il duo Lombardo-Armao segandoci il contratto 2006-2009?

Fortunatamente i nostri sindacati stanno già affilando le armi per far sentire la loro “vibrante” protesta … ma com’è che non si sente vibrare niente? Veramente una leggera vibrazione la comincio ad avvertire … sono le p. … che stanno cominciare a girare … ma girano soltanto a me?

 


Al bravo giornalista non è piaciuto il rimbrotto dell’onorevole Venturino. In effetti se a rispondere alle “inesattezze” è un signor nessuno al giornalista non frega proprio nulla, cosa diversa se l’ex signor nessuno è il vicepresidente dell’ARS e per di più di Movimento 5 Stelle.

Mi sono tolto la curiosità di vedere il video “incriminato” per il quale il bravo giornalista ha ricevuto la “solidarietà” di tutto il mondo dei media (quasi) … c’è da rimanere esterrefatti!

Ma se questo bravo giornalista ricevesse la dose massiccia di fango che giornalmente una certa stampa riversa sui dipendenti regionali cosa avrebbe fatto questo bravo giornalista?

Si vede che siamo a Natale e dintorni e che non c’è molto da fare … ma non sarebbe stato meglio montare la panna in cucina?

  1. “Caro Lauria, siamo con te, ma Venturino non è…”
  2. Grillini contro Repubblica Pioggia di solidarietà a Lauria
  3. Sicilia, attacco al cronista di Repubblica dal M5S – La Repubblica
  4. Grillini “nervosi” sulle buste paga intere video di insulti al giornalista di “Repubblica”
  5. Grillini, è giallo sullo stipendio Venturino attacca cronista – VIDEO
 

 

Stamattina ho appreso la notizia del lutto che ha colpito l’amica e collega Marinella Sillitti alla quale è venuta a mancare la cara madre.

Porgo le mie più sentite condoglianze a Marinella e ai suoi familiari e li invito ad apprezzare i doni che chi oggi non c’è più ha certamente lasciato … doni fatti di affetto, tenerezza, complicità … doni che non svaniranno mai … come i ricordi che nessuno può sottrarre.

Un caro abbraccio,

Paolo Luparello, “Fedro”

 

 
 

Care Amiche, Cari Amici,
Continuo a pubblicare alcuni post ma ho temporaneamente sospeso l’invio giornaliero della newsletter.
Chi lo desidera può continuare a seguire il blog all’indirizzo www.bulugre.eu/fedro, se invece senza l’invito della newsletter non riuscite a ricordarvi del blog … allora prendetevi anche voi una pausa dal blog.

Colgo l’occasione della imminenza del Santo Natale per inviarvi i miei più sentiti auguri che affido naturalmente a un post … Buon Natale a tutti voi da Fedro … e vi ripropongo, per chi se lo fosse perso il testo dell’invito che vi ho rivolto nell’ultima newsletter … ancora tanti auguri!

Questo sarebbe il tempo di fare bilanci e di preparare i progetti per l’anno nuovo … sinceramente sarei tentato di non farlo … anzi non lo farò!

Un progetto però mi sento di abbozzarlo e di anticiparvelo. Continua a leggere »

 

Auguro a tutti voi e ai vostri cari di trascorrere un Natale di serenità, con l’auspicio che la magia che si ripete da migliaia di anni non si limiti a una sola notte. (Fedro)

 

 

Le spigolature di Fedro, del 23 dicembre 2012, domenica

© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha