Anche se la mia anzianità di servizio è di poco meno di vent’anni, ritengo che il periodo che i lavoratori della Regione Siciliana stanno vivendo da alcuni anni a questa parte è il più brutto in assoluto. Dal mio punto di vista questa legislatura e questo “governatorato” non lo dimenticheremo tanto facilmente.

In un articolo di un quotidiano locale è stato utilizzato il titolo “Grand hotel governo regionale”. Il titolo, secondo me, sarebbe stato più corretto se fosse stato “Pensione Sicilia”.

Pensione e non Grand hotel perchè certi fasti del passato sono soltanto un ricordo … tranne che per qualche passeggero del Titanic!

Sicilia e non governo regionale perchè sia il Governo sia l’Amministrazione regionale sono stati caratterizzati dalla medesima precarietà degli incarichi.

La continuità amministrativa è stata diffusamente sacrificata al primato della lottizzazione politica. Lottizzazione alla quale ci siamo prestati in troppi.

Ci è piaciuto farci sponsorizzare per far valere le nostre qualità? Le qualità non erano necessarie … è bastata la sponsorizzazione!

Viviamo in una amministrazione nella quale non ci sono più certezze e se ne vorrebbero dare ancora di meno.

Anche quella che era una certezza come il “27” la si vuole far diventare una probabilità!

I contratti collettivi sono oramai un optional a livello nazionale e ancora di più alla Regione!

Il salario accessorio lo si sta provando a mettere in discussione!

Alla fine dovremo dire grazie se non ci licenzieranno e ci riconosceranno il solo trattamento fondamentale.

Questa è la parte che sta facendo il governo! Ha poche risorse e prova a sfamare tante bocche, e tra queste quelle più sensibili a riconoscere la mano del padrone!

Possibile che in tutto questo andazzo il dipendente regionale debba soltanto limitarsi all’invettiva e a sfogarsi nel mondo virtuale?

Non c’è nessuna forma di organizzazione che riesca a interpretare il senso di incertezza e di preoccupazione che sta prendendo i dipendenti regionali? Non c’è nessuna iniziativa che possa permettere a chi di dovere di rendere conto e ragione ai lavoratori della Regione di come si stanno utilizzando le risorse della Regione?

Il dipendente della Regione Siciliana ha il diritto di conoscere quale futuro lo attende!

Il dipendente della Regione Siciliana ha il diritto di conoscere, come qualsiasi cittadino, il perchè del non poter svolgere al meglio il proprio lavoro!

Il dipendente della Regione Siciliana ha il diritto di mettere al servizio della collettività la propria professionalità per attuare quelli che sono i programmi dei governanti legittimamente eletti!

A chi ci dobbiamo rivolgere per poter esercitare i nostri diritti?

Si cercano risposte!

Condividi:
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha