E’ necessario abbandonare la sopravvalutazione della qualità di essere coscienti per potersi formare una visione esatta dell’origine di ciò che è psichico

Sigmund Freud

da Nova24

 

Con nota del 25 maggio 2011, il dg Bologna ha reso l’informazione alle oo.ss. sulla proposta di istituzione di un nuovo servizio destinato al coordinamento del ciclo della performance introdotto nella Regione Siciliana con la l.r.5 del 2011.

Considerata l’importanza della competenza da assegnare alla istituenda struttura la Cisl-Fp ha chiesto l’avvio della concertazione.

 

Su Il Sole 24 Ore del 20 maggio 2011, pag. 35, l’articolo dal titolo:

Corte conti fuorigioco sulle pensioni statali

di Aldo Ciccarella

I provvedimenti di pensione definitiva relativi ai dipendenti dello Stato non devono essere più sottoposti al controllo successivo della Corte dei Conti, essendo definitivamente trascorso il periodo transitorio previsto dall’articolo 2, commi 1 e 3 della legge 335 del 1995, che, nell’istituire presso l’Inpdap la gestione separata dei trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato, ha previsto, in attesa della definizione dell’assetto organizzativo dell’Istituto, una fase transitoria, durante la quale le amministrazioni pubbliche hanno continuato, in regime di convenzione, a svolgere le attività connesse alla liquidazione dei trattamenti pensionistici dei dipendenti statali, i cui pagamenti sono imputati direttamente a carico del bilancio dell’Inpdap. Lo ha comunicato il ministero dell’Economia e delle Finanze (circolare 16 del 6 maggio 2011), a seguito delle deliberazioni del 18 gennaio 2011, con le quali la Corte dei conti, sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle amministrazioni dello Stato – Adunanza generale, nello stabilire che i provvedimenti non devono essere sottoposti al proprio controllo successivo, essendo definitivamente trascorso il periodo transitorio previsto dalla legge 335/95, ha affermato i principi secondo cui, da un lato, il controllo va effettuato secondo le regole vigenti al tempo in cui lo stesso è stato effettuato e, dall’altro, che non rileva il momento in cui l’atto sottoposto a controllo è stato emanato dalle amministrazioni. Diretta conseguenza delle deliberazioni della Corte dei conti, è la restituzione di tutti i provvedimenti giacenti presso la Corte stessa, senza l’apposizione dei rituali «Visto a registrazione », alle amministrazioni che hanno adottato i relativi provvedimenti che dovranno, così, provvedere a trasmetterli direttamente alla sede Inpdap competente, al fine di permettere alla sede stessa di notificare al pensionato il provvedimento di pensione, che deve, pertanto, considerarsi definitivo. (…)

 

Su Italia Oggi del 18 maggio 2011, pag. 26, l’articolo dal titolo:

Direttive, danno risarcito

di Debora Alberici

Il cittadino italiano danneggiato dalla mancata attuazione di una direttiva comunitaria ad applicazione non automatica, ha diritto al risarcimento del danno. Tale risarcimento è imprescrittibile se la legge non interviene ad attuare la direttiva. Mentre se arriva la norma attuativa della direttiva, il ristoro potrà essere chiesto entro dieci anni. A questa importante conclusione è giunta la Corte di cassazione con la sentenza numero 10813 del 17 maggio 2011. (…)

 

Una selezione di articoli on line e altro

  • Le guerre agli scarafaggi e i ‘ponti’ negli uffici

    Per leggere l’articolo clicca su Articolo
  • Alla Regione abbuffata di dirigentiPer leggere l’articolo clicca su Articolo
  • Energia, dipartimento riorganizzatoPer leggere l’articolo clicca su Articolo
  • La Cisl liquida lo Ial – Anfe: 320 licenziamentiPer leggere l’articolo clicca su Articolo
  • Consiglio di Stato: raddoppio dei permessi di lavoro per i parti gemellariPer leggere l’articolo clicca su Articolo
  • MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 2 maggio 2011 – Aggiornamento della lista dei Paesi a basso sviluppo umano, caratterizzati da problemi di sottosviluppo particolarmente graviPer leggere il decreto clicca su Decreto
 

Ricevo e divulgo

NUOVO INCONTRO ALL’ARAN SUL CONTRATTO DEI REGIONALI
L’UNITA’ SINDACALE SBLOCCA LA TRATTATIVA

Palermo, 31 maggio 2011
Questa mattina si è svolto presso l’Aran Sicilia il previsto incontro per il rinnovo contrattuale del comparto delle qualifiche non dirigenziali 2006-2009, biennio economico 2008-2009.
L’Aran Sicilia, prima di procedere alla formalizzazione della proposta esitata dal Comitato Direttivo, ha ribadito la propria posizione sulla riclassificazione dell’ordinamento professionale, così come enunciata nell’ultima riunione svoltasi l’11 u.s., basata su tre fasce con sviluppi professionali all’interno delle stesse in posizioni cosiddette super.
Abbiamo subito dichiarato che tale proposta è da ritenersi ormai superata, pur essendo un punto di partenza per aprire la discussione, perchè non dà tutte le risposte alla richiesta di valorizzazione delle professionalità esistenti all’interno dell’amministrazione regionale.
Pertanto, abbiamo comunicato all’Aran Sicilia che, considerato il lungo lasso di tempo trascorso dall’avvio delle trattative, stiamo intraprendendo un percorso unitario, finalizzato ad allargare ulteriormente il consenso, per la definizione di una piattaforma sul nuovo
sistema di classificazione che individui le soluzioni più idonee ai processi di riqualificazione e valorizzazione del personale.
Al contempo, la nostra proposta respinge ogni ipotesi di recepimento del decreto Brunetta finalizzata a limitare le relazioni sindacali e a ridurre drasticamente le materie di confronto che attengono complessivamente all’organizzazione del lavoro e alla gestione del
personale anche in termini di sistemi d’incentivazione.
L’Aran ha condiviso questa iniziativa confermando di rincontrarci entro una settimana per confrontarci sulla nostra ipotesi strutturata sulla quale auspichiamo la convergenza della delegazione di parte pubblica così da chiudere in tempi rapidi almeno la partita che
riguarda la classificazione del personale, sulla quale tante aspettative si sono accese.
La scelta unitaria che stiamo perseguendo è l’unico strumento attraverso il quale si supererà l’impasse che si è determinato, anche allargando il consenso alle altre organizzazioni sindacali.

FP CGIL (Abbinanti)
CISL FP (Aiello)
UIL FPL (Guadalupi)
SADIRS (Pantano)

 
Newsletter n. 35/2011 del 31-05-2011
Ars, lavori d’Aula rinviati a martedì 7 giugno (h.16)

Dopo la lettura in Aula della lettera pervenuta all’Assemblea che reca le dimissioni irrevocabili da deputato regionale di Fausto Maria Fagone, il Presidente Francesco Cascio onde consentire i necessari  adempimenti da parte della Commissione Verifica dei poteri, per l’attribuzione del seggio resosi vacante, chiude la seduta e la riconvoca per le ore 17.
Ad apertura della nuova seduta il Presidente Cascio comunica che, la Commissione per la Verifica dei poteri ha deliberato all’unanimità, di assegnare il seggio rimasto vacante all’onorevole Giuffrida Salvatore, cui l’Assemblea, aveva già affidato le funzioni di deputato supplente a seguito della sospensione dalla carica di deputato regionale dello stesso onorevole Fagone.
L’onorevole Giuffrida viene quindi dichiarato immesso nelle funzioni di deputato effettivo dell’Assemblea regionale siciliana.
Il Presidente Cascio comunica inoltre che con nota del 19 maggio 2011 l’onorevole Nunzio Cappadona ha comunicato che si è costituito il Gruppo parlamentare denominato “Alleati per la Sicilia” a cui hanno aderito oltre allo stesso Cappadona (Presidente) i deputati Giovanni Greco (Vicepresidente), Giovanni Cristaudo (Tesoriere), Giuseppe Lo Giudice (Segretario), Mario Bonomo e Riccardo Savona.
Cascio comunica altresì che l’onorevole Salvino Pantuso è stato nominato componente della III Commissione legislativa permanente “Attività produttive”, in sostituzione dell’onorevole Gaspare Vitrano,  sospeso dalla carica di deputato regionale.
L’Assemblea inoltre approva un ordine del giorno che autorizza il Presidente della Regione a promulgare, con l’omissione delle parti impugnate dal Commissario dello Stato, la deliberazione legislativa recante interventi nel settore della formazione professionale.
Sull’ordine dei lavori prendono la parola gli onorevoli D’Asero, Parlavecchio, Beninati, Buzzanca, Vinciullo, Ragusa e Ardizzone per chiedere che un intervento urgente della Presidenza dell’Assemblea sul mancato esercizio delle prerogative parlamentari a seguito di una circolare emanata dal dirigente generale dell’economia, dr. Vincenzo Emanuele.
Infine l’Aula approva la discussione generale e vota il passaggio agli articoli del disegno di legge sulla “Riorganizzazione e potenziamento della rete regionale di residenzialità per i soggetti fragili”.
Il presidente Cascio rinvia i lavori d’Aula a martedì 7 giugno 2011  alle ore 16 con all’ordine del giorno il seguito del sopraccitato disegno di legge e il disegno di legge di riforma degli appalti.

(I testi integrali dei sommari delle sedute d’Aula e delle Commissioni legislative possono essere letti sul sito dell’Assemblea, www.ars.sicilia.it)

 
 

Il difetto del futuro è … che non cessa di trasformarsi nel presente

Bill Watterson

Da Nova24

 

Su Il Sole 24 Ore, Norme e tributi del 23 maggio 2011, pag. 18, l’articolo:

Possibile mini-rimborso a chi usa l’auto propria

ANCI RISPONDE

Abolito con il Dl 78/2010 il rimborso delle spese di viaggio al dipendente che, per ragioni di servizio, utilizza il proprio mezzo di trasporto, con la sola eccezione dello svolgimento di attività di natura ispettiva. Sull’argomento è intervenuto il ministero dell’Economia fornendo le proprie indicazioni con circolare n. 36 del 2010. Successivamente si è pronunciata la Corte dei conti a sezioni riunite – delibera n. 8/Contr/11 dello scorso 16 dicembre – arrivando a concludere che le disposizioni degli enti locali potranno prevedere, per il dipendente, un indennizzo pari a quanto egli avrebbe speso qualora si fosse avvalso del mezzo di trasporto pubblico, ove il ricorso al mezzo privato determini un più efficace espletamento del servizio.

Attività ispettive escluse dai «tagli»

I casi esclusi dalla norma

L’articolo 6 comma 12 ultimo periodo del Dl 78/2010 sulla riduzione dei costi si applica agli enti locali? In caso affermativo ci sono fattispecie alle quali si applica e altre alle quali non si applica?

Sì, l’articolo 6 comma 12 del Dl 78/2010 si applica agli enti locali. Non sono ricomprese nell’ambito di operatività della norma citata le attività “ispettive”, intese come attività di verifica e controllo.

Il segretario in convenzione

Come deve comportarsi il Comune riguardo ai rimborsi delle spese di viaggio al segretario, titolare di segreteria convenzionata dopo l’entrata in vigore dell’articolo 6 comma 12 del Dl 78/2011?

In merito alla richiesta di parere, si ritiene possibile rimborsare le spese di viaggio al segretario in convenzione. Si evidenzia che la questione in esame è stata affrontata dalla Corte dei conti, sezione regionale di controllo per la Toscana, con deliberazione n. 171/2010/PAR, nella quale si sostiene, in sintesi, che a livello di contratto collettivo, deve ricomprendersi nel novero delle disposizioni disapplicate da tale norma, l’articolo 47 del citato Ccnl segretari, riguardante specificamente l’utilizzo del mezzo proprio da parte del segretario in caso di trasferta. Viceversa, secondo la Corte, l’articolo 45, comma 2, del medesimo Ccnl deve ritenersi: «tuttora applicabile, nei limiti generali alla spesa per missioni, posti dal legislatore nazionale, ai fini del coordinamento di finanza pubblica, e di contenimento della spesa».

Le funzioni ispettive

Cosa deve intendersi per svolgimento di funzioni ispettive? Quali sono le fattispecie che vi rientrano?

Così come chiarito dalla circolare n. 36/2010 del Mef, sono funzioni ispettive tutte le funzioni istituzionali che implicano lo svolgimento di compiti di «verifica e controllo». Si consiglia all’ente di definire preventivamente, con proprio atto, quali siano le funzioni che implicano compiti di verifica e controllo.

 

Su Il Sole 24 Ore Nord Ovest del 18 maggio 2011, pag. 9, l’articolo dal titolo:

Più energia dal sole: impianti raddoppiati e potenza triplicata

di Clara Attene

Con una potenza installata pari a 266 megaWatt e oltre 12.300 impianti attivi a fine 2010, il Piemonte, che sta vivendo un autentico boom del settore, è la sesta regione italiana per produzione di energia fotovoltaica. Lo scorso anno, secondo dati del Gestore servizi elettrici (Gse), gli impianti in regione sono cresciuti del 114% e la potenza è triplicata (+227%). (…) In valori assoluti, invece, il primato per numero di installazioni spetta alla provincia di Torino, che tocca quota 4.414. Facile comprendere, quindi, come la complessa gestazione del decreto rinnovabili, emanato all’inizio del mese, abbia tenuto con il fiato sospeso gli installatori piemontesi. Un comparto che oggi conta circa 2.300 imprese e 11mila addetti che operano, direttamente e indirettamente, nel ambito di questa tecnologia. (…) Il nodo dell’allaccio. Il nuovo testo prevede un graduale abbassamento degli incentivi, per arrivare al completo azzeramento entro il 2017. Le agevolazioni, inoltre, saranno concesse in base al momento in cui l’impianto è collegato alla rete. Una clausola che preoccupa gli operatori (…) Per limitare le lungaggini nell’allaccio è previsto l’obbligo per il gestore di indennizzare le imprese se la richiesta di attivazione non è esaudita entro 30 giorni: una misura, però, che lascia tiepidi gli animi degli imprenditori perché «per quanto sappiamo in questo momento – afferma Cordero – la penale sul ritardo sarà, per lo più, simbolica». Tra le altre novità introdotte la definizione della taglia degli impianti: saranno etichettati come piccoli quelli con potenza sotto i 200 kW instal lati a terra, fino a 1MW per i moduli posizionati sugli edifici e tutti quelli che si trovano su immobili o aree di proprietà pubblica. Per i grandi impianti nasce, invece, uno specifico registro tenuto dal Gse dal 1° giugno entrerà in vigore un tetto massimo annuale per le tariffe incentivanti. «L’idea di puntare su una produzione diffusa è condivisibile – ragiona Cordero – ma deve essere garantita una semplificazione dell’iter burocratico e per gli impianti di maggiori dimensioni occorrono più controlli per evitare che le speculazioni avvengano sotto forma di cessione di quote azionarie». Il made in Europe. Piace invece l’incentivo destinato a chi utilizzerà componenti prodotti in Europa, una spinta che dovrebbe favorire anche la filiera industriale del fotovoltaico. «Il nostro territorio – afferma Ermanno Maritano, responsabile Energia di Confindustria Piemonte – produce già alcuni componenti di valore. Quello che manca sono i pannelli, importati soprattutto dalla Cina. In questo ambito credo, però, che ciò che può fare la differenza sia l’individuazione di nuove tecnologie, più efficienti rispetto all’esistente». Aumenta, infine, il contributo per gli impianti “virtuosi”, collocati al posto di vecchie zone industriali o cave (…)

 

L’accoppiata Bologna-Cicala ha curato un altro importante adempimento. Ha prodotto la nota 85077 del 26 maggio 2011 (per consultarla clicca su Nota).

  • A chi è indirizzata la nota?Al mondo intero, incluso “Gruppo monitoraggio assenze” esclusi i dirigenti dei dipartimenti diversi da quello della funzione pubblica.
  • Come è stata inviata la nota?Naturalmente non con la posta elettronica certificata.
  • Cosa prevede la nota?Da’ disposizioni sulla applicazione dell’articolo 12, comma 2, della legge regionale 5 aprile 2011, n.5 (articolo 21 comma 1 e 1 bis della legge 18 giugno 2009, n.69) – pubblicazione sul sito istituzionale della Regione Siciliana dei dati dei dirigenti (retribuzioni annuali, curricula vitae, indirizzi di posta elettronica e numeri telefonici a uso professionale) e dei tassi di assenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale.Naturalmente la Funzione pubblica dà il buon esempio e tutti questi dati sono già disponibili sul sito del dipartimento! Vedere per credere cliccando su Trasparenza, valutazione e merito
  • Dove vanno pubblicati i dati e a cura di chi?I dati vanno pubblicati sul sito internet dell’Amministrazione (Quale?) ” … a cura del competente servizio del Dipartimento Bilancio e Tesoro … (Quale? e oserei chiedere perchè?  atteso che ogni dipartimento dovrebbe avere una sezione “Trasparenza, valutazione e merito”)
  • A parte qualche citazione normativa forse un po’ datata, la nota si chiude con il solito messaggio velatamente sanzionatorio (a carico di chi?) “La mancata comunicazione o aggiornamento dei dati è comunque rilevante ai fini della misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti.”

Mi limito a queste superficiali valutazioni e sinceramente dal Servizio Trasparenza e Semplificazione mi attenderei un contributo non soltanto sulla componente Trasparenza!

 

Una selezione di articoli on line

  • Pensioni, disuguaglianza record – dirigenti al top e precari in miseria Per leggere l’articolo clicca su Articolo
  • Se il potere non ascolta il popolo di Internet Per leggere l’articolo clicca su Articolo
  • “Google ha evaso per oltre tre miliardi” Per leggere l’articolo clicca su Articolo
 

Bollettino settimanale 21-2011

  • Una riforma semplice ed efficace della normativa referendaria È necessario cambiare le regole per la validità dei referendum. La proposta è quella di sostituire la richiesta di un quorum di partecipazione del 50% con la norma attualmente usata in Germania: affinché una norma sia abrogata almeno il 25% degli elettori devono votare in favore dell’abrogazione.      Leggi il resto dell’articolo
  • Democrazie e rivoluzioni nel mondo Arabo: si tratta davvero di un nuovo 1848?Accogliamo con piacere l’invito a partecipare al dibattito sul significato del nuovo risveglio del mondo Arabo e riproponiamo su nFA la versione riveduta e corretta di un articolo postato qualche settimana fa su Vox. Leggi il resto dell’articolo
  • Episodi di cialtroneria elettorale Questa campagna elettorale ha visto abbondanti episodi di cialtroneria, ma la palma assoluta va senz’altro a Letizia Moratti e ai suoi accoliti. Qui raccontiamo l’ultimo episodio, che ha riguardato uno dei redattori di nFA. Risulta infatti che Libero ha ripreso un post di Alberto in cui si discuteva il programma di Pisapia. Dimenticandosi però di un pezzo…     Leggi il resto dell’articolo
  • Tranquilli, siamo ricchi È ormai impossibile star dietro a tutte le corbellerie che escono dalla bocca di Voltremont, al secolo Giulio Tremonti. La velocità alla quale spara cazzate, infatti, supera la velocità alla quale una persona intellettualmente onesta può falsificarle. Però ogni tanto va fatto, magari in modo random ma va fatto, per ricordare chi è Voltremont.    Leggi il resto dell’articolo
  • Marc Chagall “È un fenomeno curioso e che si è dato molte volte nella storia della letteratura, dell’arte, della scienza o della filosofia, quello che due spiriti, senza conoscersi né conoscere una per una le loro opere, senza porsi in relazione l’uno con l’altro, abbiano perseguito uno stesso cammino ed abbiano tramato analoghe concezioni o arrivati agli stessi risultati. Si direbbe che è qualcosa che fluttua nell’ambiente. O meglio, qualcosa che è latente nelle profondità della storia e che cerca chi lo riveli” (VIII, 501). Miguel De Unamuno      Leggi il resto dell’articolo
 

Le mie scuse all’amico e collega Marcello Foti che nel post sul resoconto dell’assemblea Cisl-Fp di Catania ho qualificato non correttamente.

Marcello Foti è il responsabile regionale del comparto del Comando corpo forestale nonchè il segretario provinciale SAS Cisl-Fp dei dipendenti regionali della provincia di Catania.

Non me ne vogliano Marcello e i tanti amici della provincia di Catania.

A presto

 
 

——

Nulla contribuisce tanto a tranquillizzare la mente quanto una finalità ben precisa, un punto su cui l’anima potrebbe fissare il suo occhio intellettuale
Continua a leggere »

 

Da NEWS ENTI LOCALI del 20 maggio 2011

Formazione all’estero per neo dirigenti

Ieri mattina (19 maggio 2011) il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il ‘Regolamento per la disciplina delle modalità di compimento del periodo di formazione all’estero per neo dirigenti di prima fascia, a norma dell’articolo 28-bis del DLG n. 165 del 2001’. Trova così attuazione, spiega una nota, un altro tassello della Riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione (decreto legislativo n. 150/2009). Questo provvedimento disciplina infatti le modalità di svolgimento dello stage di formazione che i vincitori di concorso a dirigente di prima fascia nelle amministrazioni statali e negli enti pubblici non economici sono tenuti a svolgere all’estero per sei mesi e a tempo pieno al fine di incrementare le loro competenze manageriali e conoscenze comparate nel settore pubblico. Da tale obbligo sono esclusi i dirigenti ammessi al concorso in qualità di appartenenti all’organico dell’Unione europea e i dirigenti vincitori di concorsi pubblici a tempo determinato. Il periodo di formazione, che può essere rinviato o sospeso soltanto per malattia o maternità e deve chiudersi entro tre anni dalla conclusione del concorso, è contemplato nel piano annuale della formazione.

 

Dalla GURS n. 23 del 27 maggio 2011

Per consultarla clicca su GURS

  • DECRETO PRESIDENZIALE 21 aprile 2011. Rimodulazione dell’assetto organizzativo, di natura endodipartimentale, del dipartimento regionale dell’energia
    pag. 5
  • ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE – DECRETO 11 aprile 2011 – Approvazione della Carta della sensibilità alla desertificazione in Sicilia.
    Pag. 63
  • Istituzione del profilo professionale di ispettore del lavoro del dipartimento regionale del lavoro.
    Pag. 80
  • Avviso per l’aggiornamento degli elenchi degli idonei alla nomina a direttore amministrativo ed a direttore sanitario delle Aziende del servizio sanitario della Regione siciliana – attivazione siti web.
    Pag. 81
 

In questi giorni vengono pubblicati alcuni articoli che denunciano il beneficio di cui possono godere i dipendenti della Regione Siciliana che possiedono i requisiti di cui alla cosiddetta legge 104 (familiari affetti da forme di handicap che necessitano di assistenza).

Secondo i giornalisti i mostri sono, naturalmente, i dipendenti regionali.

Si può essere a favore o contrari alla norma de quo ma attaccare chi usufruisce di un diritto permesso da una legge non può costituire elemento per essere sbattutto sui giornali ed essere additato come chissà quale delinquente.

Le leggi non le fanno i dipendenti …

Interessante che l’inchiesta di turno sia pubblicata anche da Panorama … probabilmente in Italia, o in casa propria, non c’è altro di cui parlare!

Per leggere l’articolo da cui ho preso spunto clicca su Articolo

P.S. Per la cronaca: io non potrei usufruire dei benefici della legge 104 in quanto tale diritto spetta ai dipendenti il cui regime pensionistico è disciplinato dalla l.r.2/1962, mentre chi è stato assunto dopo il 1986 ha oramai il trattamento pensionistico cosiddetto “statale”.

 

Oggi, dalle 11,00 alle 13,15 circa, si è tenuta, nella bella cornice del Palazzo della Cultura di Catania, l’assemblea convocata dalla Cisl-Fp di Catania destinata ai dipendenti della Regione Siciliana e degli enti che applicano lo stesso contratto. Continua a leggere »

 

Con data di protocollo del 26 maggio 2011, l’assessore Chinnici convoca per l’8 giugno 2011, mercoledì, alle ore 15,00, le organizzazioni sindacali dei dipendenti regionali sono state convocate Continua a leggere »

 

Una selezione di 6 articoli on line

  • Federalismo municipale, la Sicilia ricorre alla Suprema Corte

Per leggere l’articolo clicca su Articolo

  • Venturi contro il suo dirigente Lombardo invia gli ispettori

Per leggere l’articolo clicca su Articolo

  • Blog equiparato a stampa clandestina – Confermata in appello la condanna a Ruta

Per leggere l’articolo clicca su Articolo

  • Sanità, l’assessore Russo: “I manager voglio sceglierli io”
    Commento di Fedro: In questo articolo viene riportato in virgolettato che l’assessore avrebbe detto Lo dico senza mezzi termini: i manager voglio sceglierli io, voglio mettere i miei uomini, uomini che poi saranno misurati sulla base di quello che hanno fatto, che saranno giudicati in base ai risultati ottenuti”. Mi domando a quale articolo della Costituzione ( o a quale altra norma) faccia riferimento l’assessore nel fare un affermazione del genere!

Per leggere l’articolo clicca su Articolo

  • Formazione, “I dipendenti? Non sono della Regione”

Per leggere l’articolo clicca su Articolo

  • Su “Panorama” i baby pensionati della Regione Siciliana

Per leggere l’articolo clicca su Articolo

 
Sommario news da www.regioni.it del 27 maggio 2011, venerdì
 

——

Ci sono due cose infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo all’universo ho ancora dei dubbi …
Continua a leggere »

 

3 minuti con …

Continua a leggere »

 

Su Il Sole 24 Ore, Norme e tributi del 23 maggio 2011, pag. 18, l’articolo:

Nella spesa del personale anche le società partecipate

di M. Zamb.

Continua a leggere »

 

Su Il Sole 24 Ore del 18 maggio 2011, pag. 18, l’articolo dal titolo:

Il doppio fronte della burocrazia

Continua a leggere »

 

Una selezione di articoli on line

 

Cisl-Fp, insieme a Cgil. Uil, Ugl e Sadirs hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori con contratto a termine della Protezione Civile della Regione Siciliana e preannunciato  iniziative di mobilitazione.

Di seguito il testo del comunicato congiunto
Continua a leggere »

© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha