Su Il Sole 24 Ore dell’8 novembre 2010, pag. 55, l’articolo dal titolo:

Poche esperienze private tra i dirigenti degli enti

di Giuseppe LatourUomo, sulla sessantina e senza esperienza fuori dalla pubblica amministrazione. È il ritratto di un alto dirigente “tipo” di un comune italiano, tracciato dal rapporto condotto da Key2people e LGnet con il patrocinio di Anci. (…) Per condurre la ricerca sono stati analizzati 501 curriculum di dirigenti di 56 capoluoghi. L’analisi della componente di genere fornisce le uniche notizie positive. Le donne sono il 37%, un numero alto se confrontato con il privato.(…) Se, invece, si guarda l’età, si scopre, con poche sorprese, che i livelli apicali delle amministrazioni comunali sono un territorio per vecchi. La media nazionale degli ultra 56enni è del 40,9 per cento.(…) Mentre al sud i dirigenti baby sono una specie protetta: uno ogni cento. Meno polverizzata a livello geografico la situazione delle lauree. Il 32,5% dei dirigenti viene da giurisprudenza e il 10,9% da scienze politiche. Il 29% ha formazione tecnico-scientifica: si tratta principalmente di ingegneri e architetti. Completa il quadro un 16% di laureati in economia. Quasi nessuno ha avuto esperienze nel privato. (…)

Condividi:
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
© 2016 Ricordare Suffusion theme by Sayontan Sinha